Dante e la Divina Commedia

Dante e la Divina Commedia

«Dante e la Divina Commedia», un viaggio tra le terzine che appassiona in ogni tempo e che nella recente mostra allestita nel nuovo spazio espositivo della Chiesa di San Fermo Maggiore (ricavato in un lato del chiostro) ha ispirato gli artisti della Società Belle Arti di Verona.

Nel libretto che ha accompagnato il percorso artistico, il presidente Gianni Lollis, commenta che la mostra «vuole essere una raccolta della creatività dei nostri soci e della sensibilità recuperata, come atto d’amore e orgoglio verso il Padre della nostra lingua e identità riconosciuta in tutto il mondo».

La ricerca storica sul Sommo Poeta potrebbe aprire una nuova pagina e scrivere della sua presenza a San Fermo Maggiore. Lo dice il parroco don Maurizio Viviani riportando l’amore di Dante per il bello e la sua curiosità per natura. «Non può essersi lasciato sfuggire San Fermo, luogo ricco di storia e di spiritualità che distava dalla dimora in cui era ospitato soltanto qualche centinaio di metri».

«Il Poema di Dante è universale», prosegue don Viviani, «nella sua immensa larghezza, abbraccia cielo e terra, eternità e tempo, i misteri di Dio e le vicende degli uomini, la dottrina sacra e le discipline profane, la scienza attinta dalla Rivelazione divina e quella attinta dal lume della ragione, i dati dell’esperienza personale e le memorie della storia, l’età sua e le antichità greco-romane, mentre ben si può dire che del Medioevo è il monumento più rappresentativo».

Espongono: Mara Balabio, Anna Balestrieri, Nilo Bazzani, Giovanna Bergamaschi, Gianna Botti, Paolo Cacciatori, Giuseppe Castellani, Stellina Cirincione, Luigi Francesco Di Cesare, Erremonaco, Laura Facchinelli, Sabrina Ferrari, Massimo Ferri, Maria Giovanna Girardi, Anna Maria Grisi, Mara Isolani, Gianni Lollis, Roberto Lorenzini, Angelo Magnabosco, Giorgio Mazzurega, Laura Ottolini, Fernando Pietropoli, Ernesto Pisani, Paola Reoli, Emanuela Terragnoli, Elpidio Tramontano, Franco Trevisan, Lucrezia Vitolo.

Marco Cerpelloni