IL FUNERALE A FUMANE

In migliaia per l'addio a Chiara Ugolini: «Come facciamo adesso senza di te?»

Il funerale di Chiara Ugolini: centinaia di persone in piazza
Il funerale di Chiara Ugolini: centinaia di persone in piazza
Funerale di Chiara Ugolini (video Pecora)

Fumane invasa da una folla infinita di persone, a migliaia, oggi pomeriggio per il funerale di Chiara Ugolini. Straziante l'addio alla ventisettenne uccisa domenica 5 settembre a Calmasino. «Troppa barbarie si è scatenata su di lei, vittima di un delitto orrendo, inqualificabile», ha detto nell'omelia il vescovo Giuseppe Zenti, che ha concelebrato insieme ad altri sette sacerdoti.

 

Il vescovo ha espresso parole molto dure sui femminicidi e la violenza in genere, invocando come obiettivo civile la necessità di cambiare cultura e coltivare relazioni sane. Lo stesso obiettivo espresso anche dal sindaco di Fumane, Daniele Zivelonghi, profondamente toccato da questa tragedia. Accanto a lui per il funerale una trentina di altri sindaci e assessori al sociale da ogni parte della provincia, per dare un forte segnale contro la violenza sulle donne.

 

Durante i funerali, il silenzio più totale, nonostante tutte le persone fuori dalla chiesa che assistevano alla cerimonia, è stato rotto dalle parole del papà della ragazza. In una lettera, letta da un amico di famiglia, il padre ha detto: «Il giorno che sei nata avevo giurato che ti avrei sempre protetta da tutto e da tutti. Scusami tesoro mio, ma la cattiveria umana è stata più forte. Ti voglio tanto bene». Anche le amiche di sempre hanno salutato la loro «Kiki»: «Sarai per sempre una sorella». Così come le compagne di squadra della Volley Palazzolo: «Questa squadra è una famiglia e abbiamo perso una parte di noi. Come si sostituisce una Chiara Ugolini? Come si fa senza di te? Non si può. Possiamo però continuare a farti vivere in noi».

 

Millecinquecento persone avevano partecipato sabato sera alla fiaccolata di solidarietà organizzata dal consiglio comunale di Fumane. E 500 persone hanno pregato e meditato giovedì sera, alla veglia promossa al circolo Noi dalla parrocchia. Nella piazza davanti alla chiesa, la cerimonia può essere seguita da un maxischermo. Il Comune ha proclamato il lutto cittadino, le attività sono chiuse e c’è stato un minuto di silenzio all'arrivo del feretro.

Camilla Madinelli e Nicolò Vincenzi

Suggerimenti