Indagini in corso

Tragedia di Porta Vescovo, interrogato il conducente ubriaco. A Verona la cugina della ragazza

Via Bassetti, il luogo in cui è avvenuto l'investimento (foto Marchiori)
Via Bassetti, il luogo in cui è avvenuto l'investimento (foto Marchiori)
Via Bassetti, il luogo in cui è avvenuto l'investimento (foto Marchiori)
Via Bassetti, il luogo in cui è avvenuto l'investimento (foto Marchiori)

Proseguono senza sosta le indagini per ricostruire l’incidente mortale nel quale ha perso la vita Madiha Rahmad. La ragazza di 29 anni di origine marocchina è stata investita e uccisa domenica all’alba a Porta Vescovo.

L’autista, fuggito senza prestare soccorso, è stato intercettato immediatamente dagli agenti della Polizia locale. Una pattuglia, infatti, era già in zona. Alla guida della Volkswagen Polo che non ha lasciato scampo alla ragazza, un 26enne veronese risultato positivo all’alcoltest. Questa mattina, come disposto dal pubblico ministero, il giovane è stato interrogato al Comando di via del Pontiere, alla presenza del suo avvocato. Così come i due testimoni che hanno assistito all’impatto, tra cui l’amico che stava camminando con Madiha. E i colloqui proseguiranno anche oggi, giornata dedicata alla ricostruzione dettagliata dell’incidente.

Leggi anche
L'amico che era con Madiha, travolta sul marciapiede: «Come puoi immaginare che succeda una cosa del genere?»

Gli agenti, infatti, si stanno concentrando sulle dichiarazioni rese per mettere a fuoco la dinamica esatta di quanto avvenuto e delinearne le responsabilità. Questa mattina è giunta al Comando anche una cugina della ragazza, residente a Milano, contattata dagli agenti in quanto unica parente stretta che vive in Italia.