Caro energia

Metano: i prezzi schizzano fino a 5 euro, code dove restano «abbordabili». E in Veneto si fermano i bus

Un distributore di metano
Un distributore di metano
Metano Verona

Caro energia e carburanti: calano finalmente i prezzi della benzina (e ora il diesel costa più delle verde), ma non accennano a diminuire quelli del gas e di conseguenza quelli del metano.

L'aumento cominciato un anno fa, con prezzi quasi raddoppiati, non ha mai conosciuto stop, anzi i prezzi in alcuni casi sono arrivati ad essere di cinque volte più alti: se nell'estate 2021 il prezzo generalmente era sotto l'euro, ora ci sono distributori dove si arriva ai 5 euro. E c'è chi, avendo perso gran parte dei clienti per i prezzi altissimi, ha dovuto chiudere, mentre in Veneto ci sono le prime aziende di trasporto pubblico che hanno deciso di non utilizzare più i mezzi a metano.

 

Leggi anche
Prezzo del metano alle stelle, un distributore: «Nessun cliente per una settimana, costretti a chiudere»

 

I prezzi che si possono trovare sono estremamente diversi, a causa dei diversi contratti stipulati dagli esercenti, e così capita di trovare completamente deserti i distributori dove il metano è diventato un lusso, e invece particolarmente affollati, con lunghe code, quelli in cui il costo rimane abbordabile (dove "abbordabile" significa comunque quasi il triplo di un anno fa).

Ad oggi, lunedì 5 settembre, stando ai dati dell'app , il più economico nel Veronese (2,099 euro al litro) è quello di via Garofoli a San Giovanni Lupatoto, seguito a 2.199 da quelli di Bovolino e Colognola ai Colli e a 2.399 da quelli di via Vigasio a Verona e di Albaro. Al momento sono invece a 4.99 euro i distributori di San Vito di Negrar, San Pietro in Cariano e Montorio. Ma in tanti altri sfondano quota 4 euro, scoraggiando qualunque automobilista a rifornirsi lì. 

 

Leggi anche
Prezzo del metano alle stelle, un distributore: «Nessun cliente per una settimana, costretti a chiudere»

 

Va detto che i prezzi cambiano di frequente e per i «poveri» metanisti è d'obbligo continuare ad aggiornarsi per trovare i pochi posti dove convenga fare rifornimento. In tanti per altro hanno scelto di abbandonare del tutto il metano e usare solo l'alimentazione a benzina, presente anche nelle auto a metano, ma con un serbatoio che nei modelli più nuovi consente al massimo di percorrere un centinaio di chilometri.

Se un tempo viaggiare a metano permetteva di recuperare in fretta i costi d'acquisto (di solito maggiori) delle auto con alimentazione a gas, ora la situazione si è ribaltata in fretta. E quello che doveva essere il carburante più economico ed ecologico è divenuto un incubo per chi lo utilizza.

 

Riccardo Verzè

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati