Elezioni politiche 2022

Guida al voto, tutti i candidati veronesi in corsa al Senato e alla Camera

I fac simile delle schede elettorali che i veronesi dovranno votare il 25 settembre per eleggere il nuovo Parlamento
Il 25 settembre si vota per la Camera e per il Senato
Il 25 settembre si vota per la Camera e per il Senato
Elezioni 25 settembre 2022 istruzioni

Domenica 25 settembre 2022, dalle 7 alle 23, gli italiani votano per eleggere il nuovo Parlamento, che si dovrà riunire entro il 13 ottobre. 

Con la legge sulla riduzione del numero dei parlamentari, si eleggeranno 400 deputati e 200 senatori (prima erano 640 e 315). Da questa tornata elettorale anche i 18enni possono votare per il Senato (prima occorreva aver compiuto 25 anni).

Leggi anche
Elezioni, tessera elettorale senza prenotazione: ampliati gli orari dello Sportello Adigetto

A destra, la divisione delle circoscrizioni elettorali nel Veronese
A destra, la divisione delle circoscrizioni elettorali nel Veronese

I candidati a Verona

Per il Senato tutti i veronesi si troveranno davanti la stessa scheda. Il posto a palazzo Madama se lo contenderanno Anna Maria Sterchele per il centrosinistra (Pd, +Europa, Impegno Civico e Verdi-Sinistra), Paolo Tosato per il centrodestra (Fratelli d'Italia, Lega, Forza Italia, Noi moderati), Stefano Cobello (Per l'Italia con Paragone), Ivano Cordioli (Italia Sovrana e Popolare), Danilo Montanari (Azione e Italia Viva), Chiara-Stella Sautto (Vita), Nicolò Zamberlan (Alternativa per l'Italia), Mauro Zambon (Movimento Cinque Stelle) e Renato Peretti (Unione Popolare).

IL FAC SIMILE DELLA SCHEDA PER IL SENATO

Per la Camera nel collegio uninominale 06 (i comuni più settentrionali della provincia) la scelta è fra Franesco Vaccaro (Movimento Cinque Stelle), Mariafrancesca Salzani (Italia Viva e Azione), Marianna Becce (Italia Sovrana e Popolare), Maristella Padovani (Paragone), Lorenzo Fontana (Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega e Noi Moderati), Anna-Lisa Nalin (Pd, +Europa, Sinistra e Verdi, Impegno Civico), Anna Sautto (Vita) e Maria Rosaria Perrelli detta Iaia (Unione Popolare).

IL FAC SIMILE DELLA SCHEDA PER LA CAMERA / 1

 

Per la Camera nel collegio uninominale 07 (i comuni più meridionali della provincia) la scelta è fra Federica Foglia (Pd, +Europa, Sinistra e Verdi, Impegno Civico), Ciro Maschio (Lega, Noi Moderati, Forza Italia, Fratelli d'Italia), Antonietta Benedetti (5 Stelle), Luigi D'agosto (Italia Sovrana e Popolare), Annalisa Begali (Vita), Giuseppe Quaini (Unione Popolare), Davide Bendinelli (Italia Viva e Azione), Simone Brizzi (Paragone).

IL FAC SIMILE DELLA SCHEDA PER LA CAMERA / 2

 

Un parte dei seggi in Parlamento viene poi assegnata in modo proporzionale in base al voto dei partiti e alla posizione dei candidati in lista.

 

Come si vota

Per votare si può

  • tracciare una X sul nome del candidato uninominale: il voto in questo caso verrà spartito tra le liste sotto il nome del candidato uninominale
  • tracciare una X sulla lista: il voto va in automatico al candidato sostenuto dalla lista per cui si è deciso di votare
  • tracciare anche più di una "X": ad esempio si può indicare sia la lista che i nomi che la accompagnano nel collegio plurinominale. Anche in questo caso, il candidato uninominale otterrà un voto. La scheda è valida anche se decide di segnare una "X" sia sul nome del candidato al collegio uninominale che sul simbolo della lista nel plurinominale.
  • non è concesso invece il voto disgiunto. Se si traccia una "X" per il candidato di un collegio uninominale e un'altra su una lista che non lo supporta, la scheda non è considerata valida
  • l’elettore che si rende conto di aver sbagliato nel votare può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda stessa, potendo esprimere nuovamente il proprio voto. A tal fine, il presidente gli consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le schede deteriorate

Leggi anche
Elezioni, le richieste dei cittadini in vista del voto