<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
IN FARMACIA la CAMPAGNA DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Caldo africano, la farmacia come presidio: «Non sottovalutare la pericolosità delle ondate di calore, serve buon senso»

Sempre attivo in tutta la provincia il “Farmaco pronto”, servizio gratuito per il cittadino attivabile al telefono. I consigli: «Aiutare gli anziani soli, ma attenzione anche agli sportivi»
Prima buona norma per difendersi dalla calura: bagnarsi e idratarsi spesso
Prima buona norma per difendersi dalla calura: bagnarsi e idratarsi spesso
Prima buona norma per difendersi dalla calura: bagnarsi e idratarsi spesso
Prima buona norma per difendersi dalla calura: bagnarsi e idratarsi spesso

Le farmacie di Federfarma partecipano alla campagna del Ministero della Salute “Proteggiamoci dal caldo” per combattere correttamente le forti ondate di calore di queste settimane.

Il decalogo indica semplici, ma fondamentali regole che aiutano a superare il forte disagio fisico e a mantenere la salute a tutte le età.

In farmacia attivi i bollettini della Protezione Civile che consentono di pianificare con accortezza le attività nelle giornate più torride. Sempre attivo in tutta la provincia il “Farmaco pronto”, servizio gratuito per il cittadino che lo può attivare autonomamente al numero di telefono 045 509892, a cura di Federfarma Verona, con cui vengono recapitati a domicilio in orario di Guardia medica i farmaci destinati a soggetti che per diverse ragioni sono impossibilitati a spostarsi da casa.

Leggi anche
Fine settimana soleggiato dopo i giorni di forti piogge

Le regole per difendersi dalla calura

«Evitare di uscire nelle ore più calde, indossare fibre naturali, mangiare frutta e verdura, bere molta acqua non gelida, utilizzare con intelligenza l’aria condizionata, ma anche preoccuparsi delle persone più fragili senza dimenticare l’attenzione agli animali domestici. Sembrano regole scontate, ma in farmacia ogni giorno serve ripeterle con frequenza - spiega Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona – perché troppo spesso si sottovaluta la reale pericolosità di queste potenti ondate di calore. Anziani, malati e bambini i soggetti più fragili che vanno tutelati anche con l’informazione e la doverosa attenzione da porre soprattutto nei mesi clou dell’estate quando le città si spopolano e le farmacie assumono un ruolo ancora più fondamentale per la comunità».

LEGGI IL DECALOGO ANTI-CALDO DEL MINISTERO DELLA SALUTE

L'appello ai cittadini

Essendo un polo sanitario sempre aperto e disponibile H24 grazie alla Guardia Farmaceutica, quindi di notte, durante i festivi, ma anche nella pausa pranzo, la farmacia diventa anche un centro di “monitoraggio” delle situazioni a rischio. «Conosciamo gli utenti abituali e siamo quindi in grado di fornire consigli mirati, ma uno sguardo attento viene posto anche sui turisti che ci riconoscono come front office sanitario sempre accessibile. Dal punto di vista sociale la farmacia è un sito di aggregazione primario per molti anziani soli che entrano spesso anche solo per fare un saluto e scambiare due parole. A questo proposito mi sento di lanciare un appello a tutti i cittadini: poniamo attenzione e aiutiamo i vicini di casa che vivono da soli, soprattutto se anziani o affetti da patologie. Spesso basta davvero poco per abbattere la barriera dell’indifferenza. Proprio nel turno di Guardia Farmaceutica dello scorso fine settimana mi è capitato personalmente di attivare per un anziano solo a casa il servizio “Farmaco pronto” di Federfarma Verona, che ha consentito al paziente di ricevere in brevissimo tempo a domicilio un farmaco prezioso per la sua salute».

Sportivi a rischio

In questi giorni, infine, ci troviamo a dare consigli a molti sportivi che vogliono allenarsi a tutti i costi senza le dovute precauzioni. Ricordiamo che stiamo vivendo situazioni climatiche estreme quindi idratazione e integrazione alimentare devono essere sempre associate al buon senso, a tutte le età».

«Non dimentichiamo, inoltre, come il caldo possa inasprire patologie croniche, procurare uno stress fisiologico che può acuire malattie cardiovascolari, renali e respiratorie e il diabete mellito – sottolinea Gianmarco Padovani, vicepresidente Federfarma Verona -. Controlli eseguibili anche in farmacia e il confronto professionale con il suo personale adeguatamente formato permettono di discriminare quando rivolgersi al medico per un eventuale adattamento della terapia farmacologica. Il conforto estivo di parole ben spese, camici bianchi e perché no anche il refrigerio dell’aria condizionata all’interno della farmacia sono già strumenti di beneficio».

Leggi anche
Verona nella morsa dell'anticiclone africano: ecco come difendersi dal caldo (o almeno provarci)

Suggerimenti