<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
dal baldo all'alta lessinia

La Befana regala tanti fiocchi: «Sulla montagna veronese la nevicata più abbondante della stagione»

di Lorenza Costantino
Nella serata di oggi, 6 gennaio, il termometro si dovrebbe abbassare, abbassando anche la quota neve verso i 1.000-1.200 metri
Neve al rifugio Bocca di Selva (Costantino)
Neve al rifugio Bocca di Selva (Costantino)
6 gennaio, neve sulla montagna veronese dal Baldo alla Lessinia

È neve, sulle montagne veronesi, dal Baldo al Carega, passando per l'alta Lessinia, sopra i 1.500 metri. È "la nevicata finora più abbondante della stagione invernale 2023-2024", spiega Nicola Bortoletto, amministratore della seguitissima pagina Fb di previsioni "Meteo Caprino Veronese". "La più abbondante, ma ancora con caratteristiche autunnali più che invernali", precisa subito, "perché, per essere gennaio, le temperature sono quattro o cinque gradi superiori alla media del periodo".

Durerà, questa imbiancata, o sarà destinata a cancellarsi in fretta come le precedenti? "Nella serata di oggi, 6 gennaio, il termometro si dovrebbe abbassare, abbassando la quota neve verso i 1.000-1.200 metri", pronostica Bortoletto. "Tuttavia la perturbazione è in esaurimento nelle prossime ore".

Dita incrociate a Malga San Giorgio, dove finora non si è riusciti ad aprire le piste da fondo. "Aspettiamo e speriamo", è lo scaramantico commento del responsabile del Centro fondo, Elio Venturelli.

Ogni stagione è a sè: è successo che già a fine novembre si potessero agganciare gli sci stretti, come l'anno scorso, o che il prato restasse a visita fino alle soglie della primavera, per regalare una imbiancata a fine stagione.

"Le previsioni sono incerte", aggiunge Venturelli. "Chi mette neve nei prossimi giorni, chi prevede la fine della perturbazione. Noi restiamo pronti".

Neve al Bocca di Selva (Costantino)

Sci a parte, nel frattempo gli escursionisti e gli avventori dei rifugi possono comunque godersi la pur fugace magia dei monti imbiancati, così come mostrano gli scatti dal Bocca di Selva condivisi dal gestore Matteo Modesti.

Leggi anche
La tregua dura poco: in vista piogge torrenziali, corsi d’acqua ancora sotto stress

Suggerimenti