<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
San Giovanni Lupatoto

Ha salvato una bambina di 11 anni dall'annegamento, premiato il bagnino

di Renzo Gastaldo
Andrea Menon, bagnino di Raldon, ha ricevuto la benemerenza civica dalla giunta di San Giovanni Lupatoto
La premiazione del bangino
La premiazione del bangino
La premiazione del bangino
La premiazione del bangino

Andrea Menon, bagnino di Raldon, ha ricevuto la benemerenza civica dalla giunta di San Giovanni Lupatoto per avere salvato una bambina di 11 anni: il fatto, come ricorda la motivazione dell’ encomio, è avvenuto il 17 agosto, alla piscina comunale di Bovolone, dove il diciassettenne ha salvato la vita a Fary, che era in vacanza con alcuni parenti. A proporre l'attribuzione del riconoscimento al giovane bagnino è stato il geometra Roberto Caldana, pure di Raldon.

 

«Andrea un esempio per tutti»

«Non conoscevo direttamente Andrea, nostro concittadino raldonate, ma il suo prontissimo intervento di soccorso alla bambina che stava annegando mi è parso degno di nota e anche di encomio ufficiale da parte dell'amministrazione comunale. Così ho fatto la proposta al Comune che condividendone la fondatezza, ha attribuito la benemerenza. Credo che quello di Andrea sia un caso da additare come esempio e che l'encomio comunale sia un segno in questa direzione».
La civica benemerenza è stata consegnata unitamente a un certificato, sottoscritto dal sindaco e dal segretario generale del Comune, recante un numero progressivo corrispondente a quello riportato sull'Albo delle benemerenze civiche.
 

 

«Fary non respirava più»

La motivazione della delibera di giunta che attribuisce il riconoscimento richiama l'alto senso civico, il coraggio e la sensibilità dimostrati da Andrea Menon.

«Il bagnino, alla sua seconda stagione estiva a bordo vasca presso la piscina comunale di Bovolone, ha salvato la vita a Fary in vacanza con alcuni parenti. Andrea si è trovato a dover gestire una ragazzina di 11 anni che non sapendo nuotare, aveva bevuto troppa acqua e non respirava più. Sarebbero bastati ancora pochi istanti e la piccola sarebbe andata in arresto cardiaco con conseguenze anche gravissime. Il diciasettenne ha reagito immediatamente dimostrando sangue freddo e una buona preparazione, praticando cinque insufflazioni e 30 compressioni, ripetendo il ciclo più volte finché la bambina ha cominciato ad avere i primi spasmi respiratori. I medici soccorritori del 118, accorsi alla piscina, si sono complimentati con Andrea Menon perché proprio grazie al suo intervento a bordo vasca, Fary è tornata pian piano alla vita».

 

«L'importante è averla salvata»

Andrea Menon ha ricevuoto il certificato di benemerenza direttamente dalla mani del sindaco Attilio Gastaldello nel corso del week end dello sport, manifestazione che ha animato il centro e gli impianti sortivi lupatotini sabato e domenica scorsi.
Il giovane bagnino, a chi gli chiede come veleggia tra benemerenze, encomi (un riconoscimento gli è venuto anche dall'amministrazione comunale di Bovolone, dove è avvenuto il salvataggio a bordo vasca) e foto sui giornali, confessa di essere un po' toccato da tanta notorietà.
«Ringrazio tutti di questa attenzione ma io sono soprattutto contento di quanto ho fatto e del felice esito del mio intervento», commenta pacatamente.
Intanto il suo nome compare fra gli iscritti all'albo comunale delle benemerenze civiche ovvero «coloro che con atti di coraggio e di abnegazione civica, abbiano in qualsiasi modo giovato alla Comunità di San Giovanni Lupatoto, rendendone alto il prestigio attraverso la loro personale attività».

Suggerimenti