<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
la situazione del benaco

Livelli del lago, la Comunità del Garda chiede l'aumento del deflusso: invaso al 93%

di Luciano Scarpetta
Possibile inoltre l’apertura dello scolmatore Adige-Garda oggi a metà giornata, in deroga ai parametri stabiliti dalla convenzione

Con l'evolversi della situazione meteo la Comunità del Garda ha chiesto in via precauzionale, un ulteriore aumento del deflusso delle acque del lago di Garda all’edificio regolatore di Salionze (Verona), fino a 150 metri cubi al secondo.

Questa mattina gli scarichi sono regolati a 120mc/sec.

Alle 8 il livello delle acque del lago di Garda ha raggiunto i 126 centimetri sopra lo zero idrometrico, mentre l’invaso è adesso pieno al 93,6%.

“Ricordo che più di 170 metri cubi al secondo il fiume Mincio non può sostenere – sottolinea il segretario generale della Comunità del Garda Pierlucio Ceresa. E’ possibile inoltre l’apertura dello scolmatore Adige-Garda oggi, 3 novembre, a metà giornata, in deroga ai parametri stabiliti dalla convenzione, per la situazione critica al Ponte Nuovo di Verona. Ma vediamo e monitoriamo il livello del fiume Adige. Tutto dipende dalle condizioni meteo”.

Suggerimenti