L'omicidio del luglio 2019

Clochard picchiato e bruciato, ergastolo per tutti e tre gli imputati

L'omicidio del clochard a Villafranca

Tre ergastoli per omicidio volontario, condanna alla rifusione delle spese e interdizione perpetua dai pubblici uffici. È la sentenza della corte d'assise di Verona, presieduta da Sandro Sperandio (Maria Cecilia Vitolla giudice a latere) per Liliano Bosoni, Christian Tuca ed Eros De Mori, detto Carlo, fino a ieri imputati per l’uccisione di Vasile Todirica, il senzatetto romeno di 42 anni che la notte del 7 luglio 2019 fu brutalmente aggredito su un binario morto della stazione di Villafranca, dove gravitava con gli altri compagni senza casa tra cui anche i tre condannati.

Dopo una lunga udienza finale, ieri, dedicata alla requisitoria del pm Elvira Vitulli che ha condotto le indagini, e alle arringhe degli avvocati di parte civile Christian Serpelloni (Comune di Villafranca) e Giuseppe Trimeloni (Petrica Costantin, zio di Vasile), seguite da quelle difensive degli avvocati Christian Faccioli (De Mori), Fabio Porta (Tuca) e Massimo Dal Ben (Bosoni), in serata è arrivata la sentenza del processo aperto ai primi di ottobre.

 

Il giudice Sandro Sperandio in una fase del processo
Il giudice Sandro Sperandio in una fase del processo

 

La corte d’assise condanna i tre all’ergastolo per omicidio volontario, escludendo l’aggravante per futili motivi chiesta dal pm. I tre dovranno pagare le spese processuali e di custodia cautelare e risarcire Costantin con 15mila euro e il Comune di Villafranca con 1.390 euro per le spese affrontate nel trasferire la salma di Todirica in Romania, e le spese legali di entrambe le parti civili: 3.800 per Villafranca e 4.500 per Costantin.

Le motivazioni della sentenza saranno pubblicate tra 60 giorni, ma i difensori preannunciano già il ricorso in appello. Ieri in aula erano presenti Tuca e De Mori.  La corte ha accolto la richiesta del pm Vitulli, che ieri mattina ha indicato per tutti e tre la pena dell'ergastolo con l'aggravante della crudeltà. •

 

L'articolo completo sul giornale in edicola

 

Leggi anche
«Era a terra, rantolava Gli si staccava la pelle»

Maria Vittoria Adami
# Sposta il focus sul parent