Siccità

Funghi, cestini vuoti per tre mesi: «Ma adesso si può recuperare»

Un appassionato sulle nostre montagne
Un appassionato sulle nostre montagne
Un appassionato sulle nostre montagne
Un appassionato sulle nostre montagne

Non è stata una stagione facile nemmeno per i cercatori di funghi. Siccità e caldo eccessivo, che si sono fatti sentire anche in quota, fino alla metà di agosto hanno lasciato vuoti i cestini di molti appassionati che sono soliti frequentare la montagna veronese alla ricerca di specie spontanee.

«La pioggia è stata provvidenziale per riscattare un’annata finora piuttosto scadente», sintetizza Renzo Rigatelli, presidente emerito del gruppo micologico «Giuseppe Gelmetti», il cui presidente è Antonio Lavecchia. L’acqua, che nelle ultime settimane ha finalmente bagnato i prati e i boschi, ha risvegliato la natura che ha ripreso ad essere generosa di flora spontanea, commestibile e non. Certo è che, chi era abituato a ritornare a casa con generosi bottini già a partire dalla primavera, quest’anno, è rimasto piuttosto deluso. Nei mesi di maggio, giugno e luglio, di funghi, non se ne sono visti. «Nel periodo in cui potevano crescerne di prelibati», spiega, «non c’era sufficiente umidità per far fiorire i miceli». Specie alcune varietà di spugnole e di «Calocybe gambosa», che normalmente si colgono in primavera, non sono puntate dal terreno.

Leggi anche
Torna la storica Festa dei funghi, a Roverè Veronese la 30ª edizione

Qualche soddisfazione l’esperto, che frequenta abitualmente la Lessinia da cinquant’anni, la sta raccogliendo in questi ultimi giorni. Le sue ricerche nelle zone di Bosco Chiesanuova, Velo e Roverè hanno portato a riempire il cestino dei tanto ambiti porcini: il «Boletus edulis», «Boletus aestivalis» e «Boletus luridus». Buoni e commestibili, come lo sono i finferli e le russole, in particolare la «Russula cyanoxantha» e la «Russula virescens», cioè verdoni, assieme alla «Russula aurea» dal colore giallo-arancio. Altre varietà che spiccano nei prati della montagna scaligera sono i cosiddetti mandriani, il cui nome scientifico è «Agaricus», e le ben più vistose mazze di tamburo, «Macrolepiota procera», apprezzate in cucina. Dall’elevato pregio alimentare sono il «Lactarius deliciosus» e le gambesecche, «Marasmius oreades», particolarmente diffuse nelle nostre zone.

Chi è un appassionato raccoglitore, avrà adesso modo di recuperare il tempo perduto. A non cambiare sono le raccomandazioni alla prudenza, continua Rigatelli. Innanzitutto è meglio non avventurarsi nei boschi da soli. Neppure l’abbigliamento deve essere improvvisato: servono scarponcini, pantaloni lunghi, mantella per ripararsi dalla pioggia, bastone per aiutarsi nelle escursioni. È sconsigliato improvvisarsi micologi e fare incetta, perché c’è il rischio di incappare in qualche varietà velenosa o comunque tossica. «Per qualsiasi dubbio sulla classificazione, è meglio rivolgersi agli esperti», raccomanda: «Una valutazione sbagliata può mettere a rischio la sicurezza di sé e degli altri».

Ogni fungo va raccolto intero e completo della sua radice, che può fornire informazioni sulla specie. Meglio evitare l’uso di borse di plastica o contenitori chiusi, nei quali i prodotti raccolti potrebbero alterarsi e diventare tossici. L’ideale è il tradizionale cestino di vimini che è areato, trasporta il raccolto senza schiacciarlo e lascia cadere le spore. Sperando di avere la soddisfazione di vederlo riempito di diversi funghi

Marta Bicego