A Pacengo

Magie, giochi e la visita di Prezzemolo alla festa per Lorenzo, il piccolo salvato dalla sorellina

Lorenzo con la sua famiglia
Lorenzo con la sua famiglia
Lorenzo con la sua famiglia
Lorenzo con la sua famiglia

«Amatori in corsia» è la proposta che il gruppo sportivo Amatori Calcio Pacengo propone per una giornata di beneficenza e per festeggiare Lorenzo ad un anno dal trapianto di midollo offerto dalla sorellina Nina. L’appuntamento è per sabato 3 settembre, al campo sportivo di Pacengo, alle 10.

Alle 12, apertura degli stand gastronomici e alle 16 arriva il Ludobus della coop Hermete con giochi in legno per i bambini. Arriverà anche Prezzemolo, mascotte di Gardaland. Infine, alle 20, grande spettacolo di magia e tante sorprese con Mago Riccardo per far divertire grandi e piccini. Per tutto il giorno, in funzione giochi gonfiabili, truccabimbi e sculture di palloncini con i Clown Dottori dell’associazione «Il sorriso arriva subito».

Leggi anche
La sorellina Nina e le nuove terapie: così è stato possibile salvare Lorenzo

«Era una promessa fatta a Lorenzo», spiega papà Flavio Tessari, «e non potevamo certo, io e mamma, non mantenerla. È passato un anno dal trapianto e dopo tante vicissitudini e tanto soffrire è giusto che anche Lorenzo stia con gli altri bambini. La malattia, la granulomotosi cronica, per la quale gli angeli del reparto di Oncoematologia pediatrica di Borgo Trento hanno fatto miracoli, dovrebbe essere stata sconfitta.

Lorenzo ora fa una vita normale ed entro i due anni dal trapianto, con esami costantemente positivi, dovrebbe essere di fatto guarito. Ci siamo affidati al primario, dottor Simone Cesaro, che non finiremo mai di ringraziare. Ecco perché il ricavato delle andrà interamente al suo reparto». «Un grande grazie al Comune di Lazise per la concessione degli spazi, a Gardaland, agli sportivi del calcio di Pacengo, a Il Sorriso arriva subito», dice mamma Sara, «e a chiunque ci abbia sostenuti in questi giorni difficili. Lorenzo e Nina stanno vivendo momenti felici: siamo fiduciosi in un futuro sereno».•.

Leggi anche
Nina, a un anno d'età salva la vita al fratello: «Le sue cellule hanno ridato speranza a Lorenzo»

Sergio Bazerla