CHIUDI
CHIUDI

17.10.2017

Dona alla Civica libri
di estrema destra
Bacciga: «È storia»

I libri donati e il consigliere Bacciga
I libri donati e il consigliere Bacciga

Con il primo compenso da consigliere comunale a Verona, 300 euro, ha acquistato dei libri che fanno riferimento all’estrema destra e li ha donati ad una biblioteca comunale. Protagonista della vicenda è Andrea Bacciga, della lista Battiti che sostiene il sindaco Federico Sboarina.

«Con il mio primo compenso di consigliere comunale - scrive su Fb Bacciga (lo stesso che aveva fatto saltare la mozione di condanna ai cori nazisti al Bentegodi) - ho deciso di donare una serie di titoli di cui la Libreria Civica era sprovvista». «Titoli di autori - prosegue - che raccontano verità, tesi e storie scomode. Spesso tralasciate e messe in secondo piano dalla storia che viene insegnata ai nostri figli, ma non per questo meno valide e autorevoli». «Per tutta la durata del mio mandato di consigliere comunale - sottolinea - mi batterò affinchè la storia e la cultura non siano emanazioni dirette di un solo colore o credo politico».

Bacciga chiude il suo post citando alcuni titoli di libri acquistati e regalati: «Sergio Ramelli, quando uccidere un fascista non è reato», «Giuseppe figlio di Giacobbe», «Militia», «Gli indoeuropei», «I Leoni morti» e «L’albero e le radici».

 

LA CRITICA DEI CINQUE STELLE 

«Mese dopo mese, tassello dopo tassello, si sta delineando la vera faccia dell’amministrazione Sboarina», commenta  il portavoce alla Camera per il M5S, il veroneseMattia Fantinati.

«A luglio la stessa mise al bando i libri che trattano di famiglie cosiddette gender da scuole, asili e biblioteche; il mese scorso annullò gli incontri di orientamento sessuale alla Biblioteca Civica ora invece, il consigliere comunale di Battiti, Andrea Bacciga dona alcuni libri di area di estrema destra alla biblioteca Civica di via Cappello. I bambini ed i ragazzi di oggi sono il nostro bene più importante perché sono il nostro futuro; un futuro che però deve volgere alla tolleranza nei confronti degli altri avendo ben presente i principi costituzionali che garantiscono uguali diritti a tutti i cittadini».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie