Sorgerà a Villafranca, segnalato il progetto

Klima Home, la casa che dialoga con la natura

Sorgerà a Villafranca, segnalato il progetto
Il progetto del nuovo condominio in via Mantova a Villafranca
Il progetto del nuovo condominio in via Mantova a Villafranca

L’innovazione a servizio della tecnologia, un passo più avanti del tempo. A Villafranca, l’ambizioso progetto Klima Home, condominio completamente realizzato in modo che possa «dialogare» con la natura (e a zero emissioni in atmosfera), segna un importante passaggio a tutela dell’ambiente.

 

Il progetto, nato dalla mente dell’architetto Enrico Zoccatelli e dal manager nell'ambito informatico per il luxury&fashion, Andrea Marchi, è stato selezionato dalla prestigiosa rivista di architettura The Plan per l’importante concorso internazionale The Plan Award 2020. Prestigio che, di riflesso, tocca poi l’intera città.

 

Klima Home, per la sua natura ecocompatibile, rientra nella categoria Home efficiency technology special contest. E quindi concorre con altri progetti che pongono alla base efficienza tecnologica, comfort tecnico, utilizzo di fonti rinnovabili, illuminazione e materiali naturali. L’edificio, oggi solo un cantiere, sorgerà in via Mantova, in linea d’aria a pochi metri dall’ospedale Magalini. Lì, un tempo, prima che venisse demolita qualche mese fa, c’era una vecchia palazzina degli anni Sessanta.

 

«Siamo molto contenti», spiega Marchi, «di questo riconoscimento, perché conferma che stiamo realizzando un’opera di altissima qualità a beneficio di chi sceglierà di viverci». Il design moderno, inoltre, aggiunge ancora Marchi, e le scelte architettoniche innovative contribuiranno all’abbellimento continuo della città. «Villafranca», sottolinea Marchi, «è ricca di storia, cultura e vivacità imprenditoriale. Da sempre, grazie alle sue rette vie principali e il maestoso castello, ha un carattere deciso e una veste signorile».

 

Klima House, che non ha eguali in tutta la provincia, grazie allo studio maniacale nell’utilizzo dei materiali, verrà realizzata con un’anima completamente in legno lamellare. Cinque piani, con una cantina nell’interrato, rivestiti di lana di roccia: isolante naturale e fonoassorbente. L’edificio sarà composto da sei appartamenti, ognuno di 158 metri quadrati, e due attici da duecento metri quadrati con giardini pensili che consentono la riduzione dell’isola di calore: un fenomeno che provoca il surriscaldamento delle città dovuto proprio al riscaldamento degli edifici.

 

Ci saranno luci a led, ampie vetrate per raccogliere il più possibile la luce solare e sistemi a risparmio energetico con impianti controllabili da remoto che dialogano tra loro. Nessun utilizzo, invece, di impianti a gas. Ogni appartamento avrà a disposizione tre kilowatt di energia provenienti direttamente dall’impianto fotovoltaico indipendente; ampio spazio poi, nei garage, anche per la ricarica delle auto elettriche, climatizzazione radiante a pavimento e abbattimento acustico. Motivi che hanno indirizzato la rivista The Plan a prendere in considerazione il progetto. Un passo nel futuro con le fondamenta però salde sul suolo villafranchese.

 

Tanto dell’opera nasce e cresce in città: Klima Home, infatti, è una costruzione ideata dalla Klimargherita srl che oltre ad Andrea conta anche Viviana Marchi, entrambi di Villafranca. Villafranchesi sono anche la progettazione sia dello studio di architettura Eza, di Zoccatelli, che la costruzione dell’interrato e del pianterreno, le uniche parti in calcestruzzo, della Serpelloni Spa. L’edificio sarà completato la prossima primavera. La cerimonia di premiazione The Plan Award 2020, giunta alla sesta edizione, invece, si terrà il prossimo mese durante la Milano arch week che prenderà il via il 18 settembre. Lo scorso anno avevano partecipato più di 400 studi di progettazione con oltre 750 progetti. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicolò Vincenzi