SECONDA CATEGORIA

Venera grandi firme. Punta al grande salto

I colpi di mercato sono Pasquali dal Bovolone e il trequartista D'Ambrosio dal torneo di Promozione
Il nuovo Venera in posa per la stagione 2022-2023
Il nuovo Venera in posa per la stagione 2022-2023
Il nuovo Venera in posa per la stagione 2022-2023
Il nuovo Venera in posa per la stagione 2022-2023

Dopo la settima posizione ottenuta lo scorso campionato nel girone C di Seconda categoria vinto dall’Aurora Marchesino, l’A.S. Venera del presidente Michele Gobbi, si presenta ai nastri di partenza della nuova stagione con ben altri propositi. La campagna di rafforzamento condotta in primis dal diesse Enrico Taccini parla chiaro: il Venera si candida autorevolmente per la vittoria finale aldilà dei gesti scaramantici del volitivo tuttofare vicepresidente Andrea Ceresoli. La rosa messa a disposizione del riconfermato mister Marco Turrini, che avrà anche quest’anno la collaborazione del vice Patrick Parolin, è assolutamente competitiva. Vestiranno la maglia del Venera i giovani Andrea Burato (dalla Scaligera), Andrea Facci (dalla Scaligera), e lo svincolato centrocampista Matteo Perazzolo Gallo. I veri colpi di mercato sono l’arrivo di bomber Luca Pasquali (dal Bovolone) e del trequartista Giuliano D’Ambrosio proveniente dalla Promozione nel campionato mantovano. Pasquali, uno dei bomber più prolifici in circolazione, dopo una stagione in chiaroscuro cerca il pronto riscatto. D’Ambrosio messosi già in luce nel Memorial Zuliani-Tosato, ha deliziato il pubblico con un gol d’autore e precisi scambi sullo stretto, che denotano la buona tecnica di cui è dotato. La ciliegina sulla torta è rappresentata dall’ingaggio del difensore centrocampista Gueye Moahmadou “miglior giocatore” al Memorial Zuliani-Tosato proveniente dai Lions Casaleone ma con un passato di tutto rispetto in categorie superiori, in particolare con la maglia dell’Isola Rizza. Il sindaco di Sanguinetto Daniele Fraccaroli, accompagnato dall’assessore allo sport nonché avvocato Figc di Verona dottor Matteo Rossini, si è così espresso: «Avere due squadre che giocano nello stesso girone di Seconda categoria (l’altra è la Reunion Sanguinetto), è per l’Amministrazione motivo di vanto». Interrogato su quale squadra farebbe il tifo in occasione dei derby ha diplomaticamente risposto: «tifo solo Hellas Verona”» Il Primo cittadino ha comunque promesso che verrà riqualificato l’impianto d’illuminazione anche nel campo di Venera, dotandolo dei più moderni ed economici fari a led come già avvenuto nel capoluogo Sanguinetto. •. A.D.M