L’EPISODIO

Sovizzo, tre punti di rigore. Il Valtramigna in castigo

Finale caldo, un penalty negato e quello, decisivo, concesso a 1' dalla fine e trasformato da Faccin. La squadra di Castagna incassa e mastica amaro
La sfida Le due squadre in campo prima dell’inizio della partita
La sfida Le due squadre in campo prima dell’inizio della partita
La sfida Le due squadre in campo prima dell’inizio della partita
La sfida Le due squadre in campo prima dell’inizio della partita

È un calcio di rigore nel finale a disegnare un sorriso sulle labbra dei giocatori del Sovizzo e a scolpire un ghigno beffardo sul volto di quelli del Valtramigna; dopo una partita giocata su ritmi altissimi, è la compagine vicentina a portarsi a casa i tre punti, sbancando lo Steccanella di Cazzano. Il Sovizzo aggredisce la partita e mette fin da subito in difficoltà gli uomini di mister Castagna, pressando alti e appoggiandosi in fase di costruzione in modo brillante su Bevilacqua, costringendo il Valtramigna sempre sulla difensiva. Questo atteggiamento arrembante e spregiudicato paga immediatamente: dopo soli 11’ gli ospiti passano in casa grazie a una punizione meravigliosamente eseguita da Di Maggio che insacca alle spalle di un incolpevole Puller. L’aggressività degli ospiti è tanta e i padroni di casa non riescono mai a rendersi pericolosi, anzi, continuano a subire le incursioni degli esterni avversari, senza trovare le misure e concedendo qualcosa a metà campo. Solo nel finale del primo tempo il Valtramigna ritrova un po’ di smalto e prova ad arrangiare un paio di azioni offensive, senza mai rendersi pericoloso, per la verità. La ripresa si apre seguendo la falsariga del primo tempo: Sovizzo superiore per intensità e agonismo e Valtramigna in difficoltà. La svolta arriva quando, intorno al 55’ l’impeto degli ospiti inizia a scemare, complici un clima non proprio fresco e il grande sforzo profuso fino a quel momento. Un goffo intervento di mano Masiero, causa un calcio di rigore evitabile e Rossi, freddissimo, trasforma dagli 11 metri, riportando il risultato sul pareggio. Il Valtramigna reclama un secondo rigore per un dubbio tocco di mano di Castegnaro in area di rigore ma l’arbitro non premia la formazione di casa, tenendo a galla il Sovizzo, ormai visibilmente a corto di energie. Nel finale, succede un po’ di tutto: Goffredo, entrato da pochi minuti, si rende protagonista di un intervento estremamente duro ai danni di Castegnaro e viene espulso direttamente da Gabrieli e Gueye, anche lui subentrato da poco, compie un gesto tecnico scomposto che lo induce al fallo e causa un rigore che viene trasformato da Faccin, che suggella al 45’ del secondo tempo la vittoria ospite. Un inizio di campionato che si rivela amaro per il Valtramigna che ha, a questo punto, parecchio da recriminare, soprattutto con se stesso.•.

Edoardo De Luca