SECONDA CATEGORIA

Il Sant'Anna nelle mani di Campostrini

Cambio della panca. E con i Falchi ci sarà ancora in campo Damiano Tommasi

Da allenatore in seconda, nella passata stagione (perché in attesa di patentino) alle spalle di Alfonso Tommasi, Davide Campostrini sarà, per il prossimo campionato, il tecnico ufficiale del Sant’Anna D’Alfaedo, formazione di Seconda categoria. Al suo fianco sarà rinnovata ancora la preziosa collaborazione di Alfonso Tommasi, fratello di quel primo cittadino di Verona, che risponde al nome di Damiano Tommasi. Il quale, alla bella età di quarantotto anni e con gli impegni sopraggiunti, farà parte ugualmente del gruppo e, se potrà, garantirà anche qualche sua presenza in campo.

Futuro Le novità per la società del presidente Simone Lavarini appaiono, comunque, spunto naturale nel segno di una rinascita. Che l’allenatore Campostrini illustra così: «Per noi il prossimo torneo verrà vissuto nella pienezza di un organico che prevederà finalmente 22 giocatori come si conviene ad un sodalizio che non voglia più incorrere nei pericoli del passato. Saranno» prosegue, «giovani atleti del circondario, come previsto dalla nostra impostazione, ma sicuramente di buona levatura. L’insegnamento di modificare l’assetto della squadra ci arriva dal campionato trascorso» analizza il mister «all’interno del quale abbiamo dovuto fare di necessità virtù, misurando la nostra capacità e sacrificandoci con una rosa giocatori mai al completo: spesse volte ci siamo misurati in campo con 13 atleti; altre, con soli 6 giocatori durante gli allenamenti settimanali. Si può ben comprendere come non sia stato facile acciuffare, così penalizzati, la salvezza».

Cambio di registro Per i Falchi della Lessinia, voltare pagina nel prossimo torneo, vuol dire puntare in alto? «Per scaramanzia dico di non voler seguire troppo questo ragionamento. Certo, vogliamo cambiare decisamente rotta ma pensiamo che per vincere ci sia bisogno di tutto un insieme di circostanze». «So solo» continua Campostrini, «che vogliamo far bene, che il presidente si sta adoperando per nominare figure dirigenziali in grado di garantire una svolta alla squadra nel nuovo disegno di processo evolutivo del Sant’Anna». Dunque, si punta al salto di qualità.

Ambizione e strategia. Cosa pretenderà Campostrini dai suoi giocatori nel prossimo torneo di Seconda? «Consiglierò ai ragazzi cose semplici: lottare, non mollare mai, e mettere in campo tutto quello che ognuno avrà e quel carattere che deve essere tipico di chi vuole ottenere risultati confortanti, richiamando quel nostro spirito che ci ha fatto conoscere a tutti come “i falchi della Lessinia“. Il resto sarà il campo a segnalare miglioramenti ed aspettative».
 

Flavio Pasetto