Il 28 aprile

I Må​neskin: «In Arena magia pura. Suonare a Verona sarà indimenticabile»

I Må​neskin per la prima volta nella città scaligera con un live che fa già sognare. «Ci aspettiamo un pubblico con una grande cultura»
I quattro componenti dei Maneskin: Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio
I quattro componenti dei Maneskin: Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio
I quattro componenti dei Maneskin: Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio
I quattro componenti dei Maneskin: Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio

Dai Rolling Stones all’Arena. Da Las Vegas a piazza Bra. E anche se nel giro di due anni sono diventati una delle band più richieste al mondo sarà difficile non emozionarsi sul palco veronese. Con una città intera pronta ad abbracciare i neskin nella loro unica data scaligera, sold out da mesi ormai con i biglietti andati a ruba in poche ore.

L’Arena sta per aggiungere nella sua straordinaria collezione di stelle anche i quattro ragazzi romani ormai protagonisti di un successo che non sembra avere più limiti. Pronti ad infiammare il pubblico veronese che non vede l’ora di ascoltare la voce graffiata e inconfondibile di Damiano, il basso di Victoria, la chitarra elettrica di Thomas e il ritmo delle bacchette che Ethan scatena ogni volta sulla sua batteria.

Il concerto più atteso dell’anno a Verona, una data unica che porterà in città la band più in vista del momento per uno show pieno di energia in cui probabilmente nessuno se ne starà «zitti e buoni».

Sarà la vostra prima volta in Arena, cosa vi aspettate dal concerto di Verona? Ci aspettiamo un pubblico attento a Verona, con una grande cultura musicale ma anche molto caldo. Siamo convinti che sarà un magico, per la gente e perché l’Arena di Verona è un posto magico.

Su questo palco sono saliti i più grandi nomi della musica italiana ed internazionale, voi ormai siete star mondiali ma ci sarà comunque un bel po' di emozione? Abbiamo la fortuna di poter suonare in location spettacolari in Italia e di questo ne siamo fieri. Per noi anche questo è un modo di rappresentare il nostro Paese, cercando di mostrare a tutti gli aspetti migliori.

L'Arena quest'anno è stata il simbolo della ripartenza musicale in Italia e non solo aprendo per prima ai concerti live, quando ha sofferto e sta soffrendo il comparto della musica? Ha sofferto tanto e continua a farlo. Noi siamo stati fortunati quest’anno perché abbiamo potuto suonare molto in vari Paesi all’estero, siamo davvero stati felici di farlo con tutta la nostra squadra tecnica in un momento tanto difficile per tutto il nostro mondo.

Anche all’estero avete avuto un successo straordinario, cosa vi aspettate dal ritorno dei live in Italia. Ci manca tanto poter suonare nel nostro Paese. Vogliamo comunque essere positivi e ottimisti nonostante tutto, e quindi sperare che il settore degli eventi possa ripartire in sicurezza al più presto possibile.

Le vacanze di Natale sono per molti un tempo di relax e dove ritrovare la famiglia, voi come le state passando? Avete tempo per voi e per le vostre famiglie? Le vacanze di Natale sono state comunque un momento di relax. Siamo riusciti a ricaricare le batterie prima di ripartire e rimetterci al lavoro per i prossimi impegni. Abbiamo avuto la fortuna di farlo con le nostre famiglie e a casa nostra.

Siete protagonisti di un successo travolgente, come riuscite a conciliarlo con la vita di tutti i giorni? Rimanendo con i piedi per terra, tornando alle nostre famiglie e ai nostri amici di sempre tutte le volte che possiamo e non perdendo mai la consapevolezza che dobbiamo sempre continuare a lavorare sodo.

Di date in Arena ne servirebbero almeno 10 per soddisfare tutti i vostri fan, ci rivedremo magari l'anno dopo? Sarebbe bello. Quest’anno abbiamo un lungo tour davanti, però non vediamo l’ora di suonare in Arena il 28 aprile. Siamo stati costretti a spostare la data rispetto a quella prevista inizialmente il 23 e ci scusiamo con tutti coloro a cui abbiamo causato disagi. Ripagheremo la loro pazienza con uno spettacolo indimenticabile, su quello non ci sono dubbi.

Leggi anche
Må​neskin sul palco il 28 aprile, rinviato Marracash

Luca Mazzara