<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Due anni di studio con lavoro Sbarca in città il corso dell’Its

di Maria Vittoria Adami
I partecipanti alla presentazione dell’Its nella sala del Consiglio comunale a Villafranca FOTO PECORA
I partecipanti alla presentazione dell’Its nella sala del Consiglio comunale a Villafranca FOTO PECORA
I partecipanti alla presentazione dell’Its nella sala del Consiglio comunale a Villafranca FOTO PECORA
I partecipanti alla presentazione dell’Its nella sala del Consiglio comunale a Villafranca FOTO PECORA

Studiare e lavorare, in un unico percorso di due anni per 1.900 ore tra teoria e pratica aziendale. Sbarca a Villafranca l’Its, la proposta di formazione tecnica superiore post diploma ad alta professionalità. Il corso in «Digital trasformation specialist - System administration» punta a formare sviluppatori di sistemi informatici e tecnici che gestiranno server e interconnessioni. Le lezioni si terranno per due pomeriggi la settimana per ora all’istituto Carlo Anti di via Magenta e, da gennaio, in piazzetta IV Novembre, nella sede dell’InformaLavoro, che traslocherà all’ex Camera di commercio. Sono 26 gli iscritti, oltre il tetto fissato a 22 posti, soprattutto neodiplomati (ma il corso è aperto anche a chi ha già una laurea). Per frequentare si paga una retta in base all’Isee che copre il 10 per cento delle spese, mentre il resto dei costi è sostenuto dal ministero dell’Istruzione e dalla Regione. L’iniziativa sbarca nel Villafranchese sostenuta anche dai Comuni aderenti al progetto Digital hub Verona - Villafranca, Bussolengo, Castelnuovo, Lazise, Mozzecane, Pastrengo, Pescantina, Sommacampagna, Sona, Valeggio e Vigasio - impegnati a promuovere iniziative per supportare i cittadini nell’approccio alla realtà digitale che li vede coinvolti ma per la quale non tutti sono preparati. Tra i sostenitori ci sono anche gli istituti superiori del comprensorio, bacino dal quale escono i futuri studenti Its. Il corso professionalizzante, infatti, si frequenta dopo il diploma di scuola superiore. «Sarà tenuto dalla fondazione Its Academy Last e dalla fondazione Edulife. «L’Its», spiega Laura Speri, direttrice di Its Academy Last, «prepara su competenze di cui le aziende hanno bisogno. È professionalizzante perché, a differenza dello studio teorico universitario, qui i docenti tengono lezioni molto pratiche». Sono previste 1.900 ore di cui 900 trascorse in stage aziendali. «Anche lo studio in aula sarà laboratoriale, mentre lo stage sarà in aziende che partecipano alla creazione del percorso», continua Antonio Faccioli, di Edulife. «È una formazione mirata al lavoro». L’imprenditore plasma così le competenze e inserisce nel suo contesto aziendale una figura già specializzata. Si ritaglia così un mestiere su misura per i frequentanti l’Its. «Il 95 per cento degli studenti al termine trova lavoro», garantisce Speri. L’Its è stato illustrato ieri in sala consiliare a Villafranca dai referenti e dai sindaci del comprensorio. «È un’opportunità di studio alternativa per il post diploma che risponde anche all’abbandono scolastico», spiega il primo cittadino, Roberto Dall’Oca. «I 26 scritti mostrano l’importanza del progetto e l’attesa dei ragazzi del territorio». C’è entusiasmo nell’accogliere questo progetto sia da parte degli istituti, che “producono” il bacino ideale per gli studenti futuri dell’Its, sia dei Comuni che così rispondono alle esigenze delle realtà aziendali locali. Come ha ricordato Marco Dal Forno, vicesindaco di Valeggio, con l’esperienza del corso in Food&Beverage per formare manager del settore, in linea con la vocazione valeggiana. I sindaci sottolineano come il Villafranchese sia stato riconosciuto come centro nevralgico per l’economia e polo produttivo e commerciale: «Siamo una zona determinante della provincia», dicono. I Comuni, inoltre, sono impegnati insieme nel condurre la popolazione, anche la più anziana, verso amministrazioni sempre più digitali, e hanno condiviso tra loro molti progetti, dalle palestre digitali alla partecipazione all’Innovation hub.•.

Suggerimenti