<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
L'ordinanza

Tangenziale Peschiera-Affi vietata ai mezzi pesanti durante tutta l'estate

di Katia Ferraro
I camion adibiti al trasporto merci di massa superiore alle 7,5 tonnellate non potranno transitare dall’8 giugno all’8 settembre, dalle 7 alle 20 (lo scorso anno la fascia oraria era dalle 8 alle 22).
Peschiera-Affi, divieto ai camion: lo scorso anno solo per agosto, quest'anno per tre mesi
Peschiera-Affi, divieto ai camion: lo scorso anno solo per agosto, quest'anno per tre mesi
Peschiera-Affi, divieto ai camion: lo scorso anno solo per agosto, quest'anno per tre mesi
Peschiera-Affi, divieto ai camion: lo scorso anno solo per agosto, quest'anno per tre mesi

Veneto Strade Spa ha emanato ieri l’ordinanza che istituisce il divieto di transito per i mezzi pesanti lungo le strade regionali 450 e 11-dir, meglio conosciute come «tangenziale Peschiera-Affi», molto utilizzate dai camion come collegamento e «scorciatoia» tra i caselli autostradali della A4 a Peschiera del Garda e della A22 ad Affi.

La nuova ordinanza estende la limitazione sperimentata per la prima volta lo scorso anno nel solo mese di agosto: quest’anno i camion adibiti al trasporto merci di massa superiore alle 7,5 tonnellate non potranno transitare dall’8 giugno all’8 settembre, dalle 7 alle 20 (lo scorso anno la fascia oraria era dalle 8 alle 22). Tre mesi anziché uno, periodo che di fatto coincide con la chiusura delle scuole.

Le deroghe

Previste come l’anno scorso delle deroghe. La più importante esclude dalla limitazione i veicoli e i complessi di veicoli «destinati al carico e scarico di merci e materiali per documentate esigenze connesse alle attività e al fabbisogno provinciali»: può quindi utilizzare l’arteria chi carica e scarica nella provincia di Verona.

Transito sempre consentito anche ai mezzi adibiti al pubblico servizio per interventi di soccorso ed emergenza, a quelli militari e delle forze di polizia, a quelli che effettuano servizio di raccolta rifiuti per conto delle amministrazioni comunali oppure adibiti allo spurgo di pozzi neri o condotti fognari.

Deroghe anche per i veicoli «appartenenti al Ministero delle Comunicazioni o alle Poste Italiane» ma anche «del servizio radiotelevisivo, per comprovate e urgenti ragioni di servizio».

Le ragioni

Le ragioni che hanno portato all’emanazione del provvedimento in accordo con la Prefettura di Verona sono ricordate nelle premesse dell’ordinanza: «Le amministrazioni comunali del Garda veronese, in particolare quelle dei Comuni di Peschiera del Garda e Affi», si legge, «hanno più volte segnalato la situazione di grave congestione del traffico cittadino e di rischio per la circolazione stradale determinata dall’abitudine assunta nel tempo da parte degli autotrasportatori, provenienti e diretti verso il confine del Brennero, di abbandonare l’autostrada A4 in direzione Milano-Venezia e della A22 direzione Brennero-Modena, rispettivamente alle uscite di Peschiera e Affi, per usufruire della “scorciatoia” offerta dalla Sr11-dir e 450 “di Affi”».

Mentre esultano i sindaci di Peschiera e Affi, Orietta Gaiulli e Marco Sega, le associazioni di categoria degli autotrasportatori bocciano il provvedimento, ritenendo di non essere state ascoltate e sufficientemente coinvolte nella decisione.

Suggerimenti