<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Bentegodi

Si fa di cocaina e pesta un altro tifoso: Daspo per un ultras. E altri 87 rischiano di essere «non più graditi»

Lo stadio Bentegodi
Lo stadio Bentegodi
Lo stadio Bentegodi
Lo stadio Bentegodi

Dopo le indagini sullo spaccio di cocaina allo stadio Bentegodi, la Questura di Verona sta fornendo all'Hellas Verona tutti i dati affinché quest’ultima possa valutare la notifica ai suoi abbonati del provvedimento di cosiddetto “mancato gradimento” : visto che hanno contravvenuto al Regolamento d’uso dell’impianto che costituisce parte integrante del contratto che viene stipulato al momento dell’acquisto del singolo biglietto o dell’abbonamento, gli si può impedire l'accesso allo stadio. Sarebbero 87 i nominativi comunicati.

Nel frattempo, oltre alle indagini per l'accertamento di eventuali reati, è stata avviata, come spiega una nota della questura, l’istruttoria per l’applicazione del Daspo (Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive) e del Dape (Divieti di accesso e di frequentazione di determinati esercizi pubblici) nei confronti di cinque tifosi del Verona.

Leggi anche
La Curva Sud: «Disprezzo per chi ha usato casa nostra per spacciare, abbiamo altri valori»

Già un Daspo

Intanto il questore Roberto Massucci ha già emesso e notificato il primo Daspo nei confronti di un supporter dell’Hellas Verona che, durante la partita col Sassuolo, era stato ripreso in due momenti: l’uno, mentre assumeva sostanza stupefacente di tipo cocaina all’interno dei servizi igienici del settore “curva sud”; l’altro, quando, dopo una breve discussione verbale, aveva aggredito un altro tifoso veronese con uno schiaffo al volto, per poi scaraventarlo a terra e prenderlo a pugni per circa un minuto.

 

Leggi anche
Droga al Bentegodi, la difesa: «Non era spaccio, si faceva la colletta per comprarla»

 

Il progetto

Nel frattempo la Questura, nell’ambito di un progetto «teso a stimolare la riflessione dei giovani sull’importanza della legalità e della sicurezza nella vita quotidiana», ha premiato i lavori più creativi degli studenti, che li vedano promotori della cultura della legalità come rispetto delle regole.

Mercoledì sera, nel corso della gara Hellas Verona-Atalanta, in tribuna est sarà riservata un’area dove gli alunni del Liceo Classico Educandato Statale agli Angeli di Verona daranno voce alle loro riflessioni sul tema della violenza di genere.

 

 

Suggerimenti