<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
In via Quattro Rusteghi

Vandali nella notte a Tombetta, squarciati gli pneumatici a una trentina di auto

Brutta sorpresa di Pasqua per i residenti della zona: non è stata risparmiata nemmeno la vettura di un disabile
Auto vandalizzate a Tombetta
Auto vandalizzate a Tombetta
Auto vandalizzate a Tombetta
Auto vandalizzate a Tombetta

Bruttissima sorpresa di Pasqua per circa una trentina di automobilisti e residenti del quartiere di Tombetta, a Verona. 

Sono 26 le auto parcheggiate in via Quattro Rusteghi che nella notte sono state vandalizzate da sconosciuti con meschina precisione: due pneumatici per ciascuna auto sono stati bucati con un grosso coltello. Con qualche preferenza per le macchine nuove e senza risparmiare nemmeno la vettura di un portatore di handicap con tanto di contrassegno.

«Me ne sono accorto solo salendo in auto e sentendo i sensori suonare», racconta Piergiovanni Ferrarese, 30 anni, «sono sceso e ho notato le due gomme squarciate. Poi, guardandomi intorno, mi sono accorto della "strage": quasi tutte le vetture parcheggiate nella via sono state vandalizzate con pugnalate agli pneumatici sul lato marciapiede».

Danni e constatazioni

La Polizia di Stato è arrivata sul posto, ha raccolto le denunce e annotato le targhe delle auto colpite. «Non vivo in questo quartiere, ma mi fermo spesso dalla mia fidanzata e non ho mai avuto timori di lasciare l'auto fuori, è una zona tranquilla e questa non credo proprio sia una ragazzata, fatalità ho notato che qui non ci sono telecamere».

L'amarezza di Ferrarese è evidente: al di là del danno materiale, conteggiabile in non meno di 300 euro, visto che è necessario chiamare un carroattrezzi - per di più in giornate festive - vi è la constatazione che chi ha compiuto questo gesto non ha guardato in faccia nessuno, colpendo anche un disabile. «Temo», sospira, «che questi fenomeni siano indice del fatto che si respira un'aria di impunità».

Giorgia Cozzolino

Suggerimenti