<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Piazza Cittadella

Tre ragazze infastidiscono i clienti al supermercato e poi reagiscono con calci e sputi e lanciano una sedia contro i poliziotti

La polizia davanti al supermercato Aldi di piazza Cittadella
La polizia davanti al supermercato Aldi di piazza Cittadella
La polizia davanti al supermercato Aldi di piazza Cittadella
La polizia davanti al supermercato Aldi di piazza Cittadella

Pomeriggio movimentato sabato nel supermercato di piazza Cittadella. È stato, ancora una volta, grazie all’atteggiamento altamente professionale ed il senso del dovere di Moustapha, senegalese di 58 anni addetto alla sicurezza del supermercato Aldi, e “Amico della Questura”, che le Volanti della Polizia di Stato hanno potuto arrestare per resistenza a pubblico ufficiale una giovane e denunciare due sue complici.

È successo intorno alle 14 che Moustapha aveva notato tre ragazze – tutte con cittadinanza italiana ma di origini marocchine – che si aggiravano tra le corsie interne infastidendo la clientela. L'uomo ha tentato con le dovute cautele di allontanarle dal supermercato per ripristinare la calma e per evitare che potessero occultare della merce ed uscire senza pagare. Ma di fronte alla loro reazione aggressiva, ha allertato le Volanti.

Quando gli agenti sono arrivati e hanno cercato di convincerle a seguirli fuori al supermercato, le tre giovani hanno cercato di divincolarsi con calci, pugni e ripetuti sputi in viso. E mentre i poliziotti mettevano in sicurezza nell'auto di servizio la più aggressiva del gruppo, una delle compagne ha afferrato una sedia e l’ha scagliata con violenza contro gli agenti, e l’altra ragazza ha cercato di ostacolare i poliziotti. Alla fine le tre giovani sono state accompagnate in questura: due di queste sono state denunciate per resistenza a Pubblico ufficiale; la terza, già nota alle forze dell’ordine, è stata arrestata. Questa mattina, il giudice ha convalidato l’arresto.

Suggerimenti