<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
La tragedia

«Segui i binari per arrivare in città». Scaricato dal Tir e travolto dal treno

Lo «scafista» del camion ha lasciato i due giovani afgani a Basso Acquar. La vittima non è ancora stata identificata
La polizia a Basso Acquar dove un giovane afgano è stato travolto dal treno (Diennefoto)
La polizia a Basso Acquar dove un giovane afgano è stato travolto dal treno (Diennefoto)
La polizia a Basso Acquar dove un giovane afgano è stato travolto dal treno (Diennefoto)
La polizia a Basso Acquar dove un giovane afgano è stato travolto dal treno (Diennefoto)

Dietro una morte il dramma della miseria, della fuga verso un futuro che si spera migliore. Ma per quel ragazzo di vent’anni nato in Afghanistan, fatto scendere da un camion proprio nei pressi del cavalcavia di via Basso Acquar e al quale è stato consigliato di seguire i binari per arrivare in città, il desiderio di riscatto si è fermato per sempre accanto alle rotaie. Pochi minuti dopo. Travolto dal treno diretto a Venezia, appena partito dalla stazione e che procedeva a velocità non particolarmente elevata. I soccorritori, allertati dal macchinista del convoglio, hanno cercato di rianimarlo ma inutilmente. È morto poco dopo l’investimento, verso le 13 di una torrida giornata di agosto.

 

Risalito dalla massicciata

Ma quel ragazzo ancora senza un nome non ha avuto scampo: aveva appena risalito la massicciata, non si deve essere accorto del convoglio che stava arrivando o ha pensato che avrebbe fatto in tempo ad attraversare. Il coetaneo che ha assistito alla tragedia non lo conosceva nemmeno, ma insieme avevano affrontato un viaggio lungo, estenuante, attraverso la rotta del Balcani, la via di fuga dalla guerra, dalla fame, quella che «finisce» a Trieste. Finisce per modo di dire perché in realtà la città vicina al confine con la Slovenia è un nuovo punto di partenza, verso ovest. Lì erano arrivati, su un tir, e affrontato l’altro tragitto, sempre su un mezzo pesante, fino a Verona, nei pressi del cavalcavia. Fatti scendere, due persone passano inosservate, e gli è stato consigliato di seguire il tracciato della ferrovia, il percorso segnato più semplice per raggiungere punti fermi. Le stazioni.

 

Nessun documento

Il ragazzo di 19 anni che era con lui, dopo essere stato visitato, è stato accompagnato negli uffici della Polfer, sotto choc. È stato avvisato il magistrato di turno e con estrema difficoltà, dopo aver trovato un interprete, è stato sentito. Lui è stato identificato, aveva con sé i documenti ma risalire alle generalità della vittima resta il compito più difficile, impossibile al momento avvisare i familiari. E gli accertamenti proseguono.

 

Speranza e tendopoli

Gli arrivi a Trieste, Gorizia e Tarvisio attraverso la rotta dei Balcani sono ultimamente fonte di tensione in Friuli Venezia Giulia: stando ai rilevamenti più recenti sono almeno 8.400 i migranti arrivati, circa la metà se n’è andata ma l’assenza di hotspot ha fatto rinascere le tendopoli, veri e propri quartieri mobili che giorno dopo giorno stanno creando tensioni.

Verona? La nostra città è il baricentro delle due grandi direttrici del Paese, da est a ovest, verso la Francia, ma anche per chi dal sud va verso il nord, in Germania che spesso per molti profughi rappresenta la meta da raggiungere con mezzi di fortuna per evitare di essere intercettati prima di varcare il confine.

 

Il «primo ingresso illegale»

Perché il terzo criterio della convenzione di Dublino prevede, in fatto di domande d’asilo, la competenza «dello Stato membro la cui frontiera è stata varcata illegalmente dal richiedente». Negli anni si è rivelata la norma più applicata e ha messo sotto pressione i Paesi esposti ai confini esterni dell’Ue: Italia, Grecia, Cipro, Malta e Grecia.

 

Quadrante Europa

L’anno scorso nella zona produttiva veronese all’incrocio delle due direttrici erano stati ritrovati, all’interno di un container proveniente dal Belgio, dieci uomini e un ragazzo. Una situazione però che grazie all’intensificazione dell’attività di controllo della Polfer non si è più verificata.

Fabiana Marcolini

Suggerimenti