<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Tifo violento

Scontri Verona-Napoli, 97 Daspo e 83 denunciati. Il questore: «Oltre la metà ha più di 30 anni»

Sono 46 i napoletani, 23 gli scaligeri. Hanno tutti tra i 15 e i 66, solo uno il minorenne. Tra gli ultras scaligeri denunciati anche quattro tifosi del Partizan di Belgrado
Scontri Verona-Napoli del 21 ottobre 2023
Scontri Verona-Napoli del 21 ottobre 2023
Scontri Verona-Napoli del 21 ottobre 2023
Scontri Verona-Napoli del 21 ottobre 2023

Novantasette Daspo e 83 denunciati. La Digos di Verona ha denunciato, dopo i fatti dello scorso 21 ottobre, giorno in cui allo stadio Bentegodi andava in scena la sfida tra Hellas e Napoli, 69 tifosi, ritenuti responsabili dei disordini avvenuti sia prima che dopo la partita.

Sono 46 i napoletani, 23 gli scaligeri. Hanno tutti tra i 15 e i 66, solo uno il minorenne. Tra gli ultras scaligeri denunciati anche quattro tifosi del Partizan di Belgrado, arrivati in città in quanto il tifo organizzato partenopeo è considerato "amico" dei loro rivali, la Stella Rossa di Belgrado.

Leggi anche
Verona-Napoli, una giornata di guerriglia urbana. 36 Daspo e centinaia di identificati. Il «grazie» del questore agli agenti

 

Tra i fermati anche 14 già segnalati per una rissa

Tra i 97 Daspo emanati dal questore - 53 ai napoletani e 44 ai veronesi - ci sono misure restrittive, quindi il divieto d'accesso allo stadio, che vanno da uno a cinque anni. Alcuni di questi, inoltre, hanno l'obbligo di firma. Tra gli 83 denunciati ci sono pure 14 tifosi veronesi segnalati dalle autorità giudiziaria coinvolti nella violenta rissa avvenuta al termine della partita Verona-Monza dello scorso 5 novembre in via Generale Chinotto.

 

Operazione antidroga e la faida tra supporter

«Le motivazioni dello scontro», ha spiegato oggi il questore Roberto Massucci, «sono da ricondurre alla nota faida tra gli appartenenti rispettivamente al gruppo ultras Curva sud e al sodalizio Inferno apertasi a seguito dell'operazione antidroga condotta dalla squadra mobile della questura». «Oltre la metà dei denunciati», ha sottolineato ancora Massucci, «sono over 30. Questo mi preoccupa e merita una riflessione».

L'operazione dunque segue l’indagine "Bentegodi" che ha condotto a due arresti in flagranza e all’esecuzione di 15 misure cautelari (in relazione alle quali sette dei responsabili hanno già richiesto il patteggiamento, quattro la messa alla prova e uno è stato rinviato a giudizio), alla sanzione per violazione del regolamento d’uso dell’impianto di 204 tifosi, oltre a 119 sanzioni amministrative per assunzione di droga.

Leggi anche
«Bazar» della droga nei bagni del Bentegodi, sventato un grosso giro di spaccio: 12 ultras dell'Hellas nei guai / VIDEO

Nicolò Vincenzi

Suggerimenti