<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
All'altezza di Bergamo

Tragedia in A4: scende dell'auto e viene travolto e ucciso da un camion

La vittima è un 62enne residente in Brianza che ha lasciato la Panda in una piazzola di sosta e si è incamminato lungo la carreggiata. Sul camion che lo ha travolto un 42enne di Verona
Incidente in A4 all'altezza di Bergamo
Incidente in A4 all'altezza di Bergamo
Incidente in A4 all'altezza di Bergamo
Incidente in A4 all'altezza di Bergamo

Un uomo di 61 anni, Damiano Frati, è morto ieri all’alba travolto da un camion sull’autostrada A4 in provincia di Bergamo. A guidare il tir un quarantaduenne veronese, dipendente di una ditta di autotrasporti di Zevio.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo era sceso poco prima dalla propria vettura, forse per un guasto o per altri motivi che saranno ora gli agenti della Polstrada di Seriate a dover accertare.

Frati, 61 anni, originario di Giussano e residente in Brianza, attorno alle 4 stava viaggiando su una Fiat Panda in direzione Venezia quando, tra i caselli di Seriate e Telgate, ha fermato la vettura all’altezza di una piazzola di sosta e si è incamminato lungo la carreggiata. Poco dopo è arrivato il camion guidato dal quarantaduenne veronese che non è riuscito a evitare l’impatto: il conducente è risultato negativo all’alcoltest. 

Saranno ora gli inquirenti a ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente, i motivi della fermata e il punto preciso in cui è stato investito il sessantunenne, se lungo la prima corsia o su quella emergenza, in modo da accertare eventuali responsabilità.

Manuela Trevisani

Suggerimenti