<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
cittadinanza attiva

Urbanistica, mobilità, cultura: nasce Polis, l'osservatorio che vigila sul territorio

Il nuovo progetto presentato questa mattina, 10 luglio, dal suo coordinatore Giorgio Massignan. Tra i primi punti sotto la lente il destino dell'area della Marangona e quello del Pestrino, oltre alla vivibilità del centro storico
La presentazione dell'osservatorio Polis (Noro)
La presentazione dell'osservatorio Polis (Noro)
Massignan, nasce l’osservatorio Polis (Noro)

Il suo obiettivo è vigilare ma anche proporre soluzioni, punti di vista, prospettive. E' nato Verona Polis, l'osservatorio "laico e apartitico", suddiviso in otto settori tematici, organizzati da altrettanti coordinatori. Si occuperà di urbanistica, verde, mobilità, cultura, economia, giurisprudenza, accessibilità, sociale. E internet: comunicherà puntualmente argomenti d'interesse e argomentazioni via via rilevanti sul sito internet in fase di costruzione.

Il nuovo progetto di cittadinanza attiva è stato presentato questa mattina, 10 luglio, dal suo coordinatore Giorgio Massignan durante una conferenza pubblica a cui ha partecipato una ventina di persone.

Tra i primi punti che verranno affrontati dall'osservatorio, il destino dell'area della Marangona - qui l'indicazione a tutela del suolo agricolo è già chiara - e quello del Pestrino, la tutela della vivibilità del centro storico.

"Quale osservatorio territoriale, intende facilitare una collaborazione sinergica tra le varie associazioni, comitati, gruppi informali e singoli cittadini che si occupano della salvaguardia dell'ambiente e del diritto di tutti gli esseri viventi di vivere dignitosamente nella salute e nel benessere. Non si pone pregiudizialmente né a favore e neppure in contrapposizione al pubblico ma analizza e valuta le varie scelte con metodi oggettivi", riassume Massignan.

Gli strumenti operativi che l'osservatorio avrà per operare, "in un'ottica di apertura al confronto e al dialogo con le amministrazioni pubbliche, gli investitori privati e le associazioni economiche", sono un'attenta analisi e controllo sull'operato del pubblico, esposizione pubblica delle proposte, organizzazione di eventi, convegni, dibattiti fino a eventuali esposti alla magistratura.

Ilaria Noro

Suggerimenti