<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
I DATI ASAPS

Monopattini, Verona
seconda città in
Italia per incidenti

Monopattini elettrici (foto Mozzo)
Monopattini elettrici (foto Mozzo)
Monopattini elettrici (foto Mozzo)
Monopattini elettrici (foto Mozzo)

Quindici complessivamente gli incidenti stradali che hanno coinvolto monopattini in Italia da giugno 2019 ad aprile 2020: quasi tutti i feriti avevano meno di 30 anni (uno 12, non avrebbe potuto usare il mezzo che può essere condotto solo dai 14 anni in su), con due casi di prognosi riservata. Le città con più incidenti di questo tipo sono state Torino (7) e Verona (3), dove c’è stato anche uno scontro tra due monopattini. I dati sono resi noti da Asaps, associazione sostenitori Polstrada, che ha dedicato un nuovo Osservatorio a questi mezzi, destinati ad aumentare nella Fase 2 dell’emergenza Covid-19 alla luce delle norme restrittive sull’utilizzo del trasporto pubblico.

 

Dall’1 marzo i monopattini sono equiparati ai velocipedi e sono diventati «veicoli» a tutti gli effetti. «I nuovi mezzi di micromobilità elettrica cambieranno molte città dal punto di vista viabilistico», dice il presidente Asaps, Giordano Biserni; «ma se non si comprenderà che vanno condotti con attenzione e osservanza del codice della strada, ci sarà una recrudescenza del numero di incidenti. I contributi governativi per gli acquisti di veicoli e l’introduzione della «casa avanzata» e della «corsia ciclabile» con il decreto Rilancio porteranno ad un maggior uso dei monopattini».

Suggerimenti