<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
nel pre-partita al bentegodi

«Il calcio dice no alla violenza sulle donne»: all'asta le maglie gialloblù di Verona-Lecce

Maglie e felpe saranno messe all'asta sul sito di Matchwornshirt, e HV Foundation si impegnerà a dividere l'intero ricavato in favore del Centro Antiviolenza PETRA e dell'Associazione A.C.I.S.J.F. Protezione della Giovane
Il sindaco Tommasi, con Setti, la consigliera con delega alle Pari opportunità Beatrice Verzé e le rappresentanti del centro antiviolenza Petra e della Protezione della Giovane (Fotoexpress)
Il sindaco Tommasi, con Setti, la consigliera con delega alle Pari opportunità Beatrice Verzé e le rappresentanti del centro antiviolenza Petra e della Protezione della Giovane (Fotoexpress)
L'iniziativa dell'Hellas per la Giornata contro la violenza sulle donne (Fotoexpress)

Il messaggio contro la violenza sulle donne è risuonato anche al Bentegodi stasera, 27 novembre, all'inizio della partita Hellas Verona-Lecce.

Come i giocatori di una trentina di società sportive di calcio dilettantistico di Verona e provincia, anche nella massima serie si è voluto aderire infatti alla campagna di sensibilizzazione «Riguarda anche te», promossa dal Comune in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. 

Il Club ha scelto di fornire il proprio supporto coinvolgendo la Prima squadra maschile e l'Hellas Verona Women.

Le maglie delle giocatrici e dei giocatori gialloblù convocati per le sfide rispettivamente di domenica 26 e lunedì 27 novembre saranno messe all'asta sul sito di Matchwornshirt, e HV Foundation si impegnerà a dividere l'intero ricavato in favore del Centro Antiviolenza PETRA e dell'Associazione A.C.I.S.J.F. Protezione della Giovane.

Oltre alle maglie dei gialloblù, saranno messe all'asta anche le 11 felpe utilizzate stasera al Bentegodi per l’ingresso in campo, anch'esse con una patch speciale.

I calciatori hanno infatti indossato una felpa dedicata al momento d'ingresso in campo e una maglia con la patch posizionata all'interno. 

Prima della partita, sul terreno di gioco, il sindaco Tommasi, con la consigliera con delega alle Pari opportunità Beatrice Verzè, insieme a Setti e alle rappresentanti del centro antiviolenza Petra e della Protezione della Giovane hanno portato il loro saluto ribadendo l'importanza e le finalità dell'iniziativa.

 

Leggi anche
Un «calcio» alla violenza di genere: l'impegno delle società di calcio dilettantistico

Suggerimenti