<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Alla vigilia della visita a Verona

La lettera del Papa ai veronesi: «La pace è nelle piccole cose»

di Papa Francesco
La missiva inviata attraverso il nostro giornale, all'interno della quale vengono citati tre «esempi» veronesi
Papa Francesco
Papa Francesco
Papa Francesco
Papa Francesco

La lettera di Papa Francesco indirizzata ai veronesi tramite l'Arena.

Il legame tra giustizia e pace è al centro della visita che andrò a compiere fra breve tempo a Verona. Giustizia e pace, si augura il salmista, si baceranno, cioè si uniranno come avviene per l’amata con il suo amato. Perché esse sono dimensioni interiori e processi storici che stanno o decadono insieme: se manca la giustizia, la pace è minacciata; senza la pace, la giustizia è compromessa. Ed è quanto mai vero che la giustizia, intesa come la virtù di rendere ciò che si deve a Dio e al prossimo, è legata a doppio filo con la pace, nel senso più autentico e proprio della parola ebraica shalom.

Questo termine sta a significare non tanto l’assenza di guerra bensì la pienezza di vita e di prosperità. Ed è solo con la giustizia che si può vivere nello shalom, ed è unicamente la pace che rende possibile la giustizia. Quest’ultima è spesso una delle prime «vittime» di ogni conflitto, mentre la pace diventa precondizione per una società giusta. Ma entrambe queste due dimensioni dell’umano hanno un prezzo. Che è quello della lotta al proprio egoismo – ogni egoismo è profondamente ingiusto! L’egoismo, cioè mettere il «mio» davanti al «nostro», è ingiusto perché esclude l’altro e l’Altro, lo mette da parte e lo confina in un piano secondario. E l’egoismo, quando diventa sistema di vita personale e sociale, apre le porte al conflitto, perché per difendere i «miei» interessi (o quelli che presumiamo tali) si è pronti a tutto, anche a sopraffare il vicino, che da prossimo diventa avversario e quindi un nemico. Da umiliare, abbattere e sconfiggere.

Leggi anche
Il Papa a Verona, tutte le letterine dei vostri bambini per Francesco

Lo ha ricordato con parole inequivocabili un grande veronese, nato nella città dell’Arena e in seguito cresciuto in Germania, Romano Guardini: «La libertà non consiste nel seguire l’arbitrio personale o politico, ma ciò che è richiesto dalla natura dell’essere». Guardini, con la sua azione educativa, le sue riflessioni filosofiche e spirituali, è stato un faro in un tempo particolarmente buio, quello della Germania degli anni Trenta e Quaranta, schiacciata dal giogo terribile del regime nazista. Alcuni membri della Rosa Bianca, il gruppo di giovani tedeschi che denunciò il nazismo a Monaco, si erano abbeverati agli scritti filosofici e religiosi di Guardini. Anche da quelle letture scaturì l’azione nonviolenta di quei ragazzi e ragazze che, scrivendo volantini clandestini diffusi in città, cercavano di risvegliare le coscienze delle persone, intorpidite dal totalitarismo di Hitler. E pagarono con la vita questa loro scelta di coscienza e di libertà.

Alcune persone mi hanno raccontato una vicenda storica nella quale la giustizia e la pace si sono congiunte in un doppio sacrificio personale: quello di don Domenico Mercante, un parroco della montagna veronese preso in ostaggio da soldati nazisti nei giorni concitati della fine della guerra, e quello del soldato Leonardo Dallasega, che si rifiutò di ucciderlo perché, da credente, disse, non poteva uccidere un sacerdote: entrambi vennero barbaramente assassinati. In questa tragica circostanza troviamo il senso profondo del sacrificio cristiano: dare la vita per l’altro, anche a costo della propria. Questo è il mistero della Pasqua di Cristo: la violenza e la morte vengono sconfitte dall’amore e dal dono di sé. Forse noi non saremo costretti a versare il sangue per professare la nostra fede, come ancora avviene in molte parti nel mondo per tanti nostri fratelli cristiani, ma è nelle piccole cose che siamo chiamati a testimoniare la forza pacifica della croce di Cristo e la vita nuova che nasce che essa: un gesto di perdono verso chi ci ha offeso, sopportare una maldicenza ingiusta, aiutare qualcuno messo ai margini. La pace è artigianale: non la costruiscono solo i potenti con le loro scelte e i loro trattati internazionali, che restano scelte politiche quanto mai importanti e urgenti.

La pace la costruiamo noi, nelle nostre case, in famiglia, tra vicini di casa, nei luoghi dove lavoriamo, nei quartieri dove abitiamo. Possiamo fare pace aiutando un migrante che mendica in strada, visitando un anziano che è solo e non ha nessuno con cui parlare, moltiplicando i gesti di cura e di rispetto verso il povero che è il pianeta Terra, così maltrattato dal nostro egoismo sfruttatore, accogliendo ogni nascituro che viene al mondo, gesto che per santa Madre Teresa era un autentico atto di pace. Piccoli tasselli di pace, se si saldano insieme, costruiscono una pace grande, che espande il suo profumo ovunque. In queste scelte di pace e di giustizia quotidiane e a portata di mano possiamo seminare l’inizio di un mondo nuovo, dove la morte non avrà l’ultima parola e la vita fiorirà per tutti.

© Dicastero per la Comunicazione - Libreria Editrice Vaticana

Suggerimenti