<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Calcio e violenza

Verona-Napoli, una giornata di guerriglia urbana. 36 Daspo e centinaia di identificati. Il «grazie» del questore agli agenti

Gli ultrà del Napoli lanciano fumogeni a Porta Nuova e allo Stadio

Aggiornamento ore 20

Quasi 600 i tifosi identificati nel corso della giornata, spiega una nota della Questura. In mattinata era arrivati 400 ultras con auto private e minivan. Nella mattina, circa 350 napoletani e, in serata, oltre 200 tifosi dell’Hellas hanno cercato di raggiungere gli ospiti contenuti dalle forze dell’ordine.

Non ci sono stati incidenti gravi. «Per l'impegno e il senso di equilibrio degli agenti», sottolinea una nota del questore di Verona Roberto Massucci, «va dato merito agli operatori dei reparti ed al personale della territoriale. Di tale attestazione di merito non mancherà una successiva formalizzazione».

 

Aggiornamento 19.30

I tafferugli sono iniziati circa un'ora e mezza dopo la fine della partita. Intorno alle 19,30 la polizia, a tutti i varchi d'accesso della zona stadio, ha riportato la situazione sotto controllo. I lanci di bottiglie, pietre, fumogeni e petardi - soprattutto verso gli agenti - si sono svolti tra il parcheggio del palasport e quello dei tifosi locali. Oltre mezz'ora di tensione, con l'alto rischio che le due tifoserie venissero a contatto, prima che tutti i tifosi partenopei defluissero verso la tangenziale.

 

Aggiornamento ore 19

«Evitato che tifosi ultras napoletani malintenzionati si recassero in centro a Verona per scontrarsi con i rivali dell’Hellas», hanno commentato in una nota congiunta  il sindaco di Verona Damiano Tommasi e il questore Roberto Massucci.

 

 

Aggiornamento 18.30

Dopo che la situazione sembrava normalizzarsi, scoppia il finimondo nel parcheggio del palazzetto, con lancio di fumogeni e bombe carta. Polizia in azione

Verona-Napoli, tensione nel postpartita (video Marchiori-Vincenzi)

Aggiornamento ore 18

Qualche insulto, qualche coro, niente di più. Il finale di Verona-Napoli fuori dal campo, fortunatamente, non ha riservato sorprese.

I circa tremila tifosi partenopei circa un’ora dopo la fine del match hanno lasciato la curva nord per raggiungere il parcheggio del palazzetto. Lì, scortate dalla polizia, sono partite le navette in direzione stazione. Le due tifoserie non sono mai entrate in contatto.

 

Aggiornamento ore 12.30

Sono 36 i tifosi napoletani identificati e su ordine del questore lasciano la provincia scaligera. Si sono resi protagonisti di una rissa nella prima mattinata odierna nei pressi dello stadio.

Con un'azione premeditata, tutti incappucciati, hanno cercato il contatto con la tifoseria locale nei pressi del settore ospiti. Fermati ed identificati dalle forze dell'ordine prontamente intervenute, a loro carico è stato avviato il procedimento del Daspo.

Altri 300 tifosi sono stati bloccati e sottoposti ad identificazione in area Europa, lontano dallo stadio.

Aggiornamento ore 11.30

La mattinata, di quello che si preannuncia un giorno difficile sotto il profilo dell'ordine pubblico, ha registrato anche contatti tra tifosi napoletani e veronesi allo Stadio. Infatti gli ultrà sono arrivati in zona Bentegodi fin dalle 10.30 del mattino, lanciando lacrimogeni colorati e bombe carta in mezzo alla gente che era arrivata a fare acquisti al mercato del sabato attorno al Bentegodi.

Scontri tra tifosi allo Stadio

La situazione si è normalizzata in una ventina di minuti. Sul posto questura e Polizia Locale.

 

***

Un centinaio di ultrà del Napoli partiti stanotte e arrivati stamattina, 21 ottobre, a Porta Nuova, dopo alcune intemperanze e scontri verbali sono stati bloccati e identificati dalla polizia tra viale Piave e il piazzale di Porta Nuova. Alcuni di loro sono stati portati in questura. 

Ultrà del Napoli, caos a Porta Nuova (video A.Scuderi)

Gli ultrà, in città per Verona-Napoli che si gioca al Bentegodi e per la quale sono stati venduti 3.223 biglietti ai tifosi ospiti, pensavano di poter circolare liberamente in città lanciando lacrimogeni e cori.

La Polizia intercetta i tifosi del Napoli in viale Piave
La Polizia intercetta i tifosi del Napoli in viale Piave

Considerato che le due tifoserie, Hellas e Napoli, sono da sempre fortemente contrapposte, fin dall'arrivo in stazione gli ultrà sono stati radunati e scortati da un consistente numero di poliziotti in borghese e in divisa.

I tifosi partenopei avevano creato scompiglio anche in zona Fiera, ma questo alle 9 del mattino, fermando le auto in transito.

Polizia e tifosi del Napoli in Viale Piave

Le posizioni di alcuni di loro sono al vaglio. 

Polizia Locale, intanto, già schierata allo Stadio, dove entro le 12 si concluderà lo sgombero anticipato dei banchi del consueto mercato del sabato.

Leggi anche
Hellas-Napoli, pugno duro della polizia: «No alla droga, allo stadio entra la gentilezza»

Alessandra Vaccari e Nicolò Vincenzi

Suggerimenti