<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
L’incidente avvenuto a Malindi

Giovane veronese ferito in piscina in Kenya, si prepara il rientro a Verona

La Regione è in contatto con la Farnesina, appena le condizioni sanitarie lo consentiranno, sarà organizzato il trasporto
La località. Una spiaggia di Malindi
La località. Una spiaggia di Malindi
La località. Una spiaggia di Malindi
La località. Una spiaggia di Malindi

Tutto pronto per il rientro di Luca Campagnari a Verona, il ragazzo rimasto vittima di un incidente in piscina a Malindi, in Kenya.

Si attende solo il via libera dei medici locali. Poi il trentatreenne potrà essere riportato in Italia dove continuerà le cure specialistiche.

Le istituzioni italiane, la Regione Veneto e la Farnesina, sono in costante collegamento con l’ospedale di Mombasa dove il ragazzo è ricoverato da domenica. Le sue condizioni, sin da subito, era parse gravi. Per questo era stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva nella cittadina kenyota, qualche chilometro più a sud rispetto al luogo dell’incidente.

Il fratello al suo fianco

Con Luca, a Mombasa, c’è il fratello che gli presta assistenza. Era stato proprio il presidente della Ragione, Luca Zaia, poche ore dopo l’incidente, a far sapere di essere in collegamento con le autorità locali che però, nei giorni scorsi, hanno sempre mantenuto il riserbo.

Non è ancora chiaro, con esattezza, quanto successo a Malindi. Il giovane, prima di trasferisti all’estero, a Barcellona, aveva vissuto a Lugagnano di Sona. Negli ultimi anni ha viaggiato molto in tutto il mondo. 

Nicolò Vincenzi

Suggerimenti