<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Polizia di frontiera

Evade dal carcere di Pescara e tenta di fuggire all'estero dall'aeroporto di Verona: arrestato

Un 33enne senegalese in semidetenzione cercava di imbarcarsi verso il paese di origine con un passaporto non suo
La polizia in servizio all'aeroporto di Verona Villafranca
La polizia in servizio all'aeroporto di Verona Villafranca
La polizia in servizio all'aeroporto di Verona Villafranca
La polizia in servizio all'aeroporto di Verona Villafranca

Gli era appena stata concessa la semidetenzione dal carcere di Pescara, con l’obbligo di farvi rientro tutte le sere per un anno. Ma un cittadino senegalese di 33 anni, che stava scontando tre anni e sei mesi per cumulo di pene per reati di furto e di spaccio di stupefacenti, non si è ripresentato ed è stato arrestato all'aeroporto di Verona mentre stava cercando di fuggire all'estero.

Gli operatori di polizia in servizio alla Polaria di Verona hanno intuito le vere intenzioni del passeggero giunto al controllo dei documenti per imbarcarsi su un volo diretto a Dakar-Blaise (Senegal) con un passaporto con una foto  non molto somigliante. Insospettiti anche dal nervosismo manifestato all’atto del controllo, gli addetti alla polizia di frontiera hanno eseguito un’accurata verifica del documento e delle informazioni presenti nella banca dati Schengen, attività che ha consentito di accertare che di quel titolo identificativo, appartenente ad altra persona, era stato segnalato lo smarrimento.

L’uomo è stato quindi sottoposto alle procedure d’identificazione, dalle quali è emersa, a suo carico, una nota di rintraccio inserita quella stessa sera dalla Casa Circondariale di Pescara, a seguito del suo mancato rientro. Il cittadino senegalese è finito, quindi, nuovamente in manette per il reato di evasione. E con questa aggravante, l'uomo è ora detenuto nella Casa Circondariale di Montorio.

Suggerimenti