<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Corsa benefica

46ª Marcia del giocattolo baciata dal sole: 400 agonisti e migliaia di famiglie in corsa

L'edizione 2023 si svolge nel centro cittadino ed è priva di barriere architettoniche: il ricavato in favore di Abeo
46ª Marcia del giocattolo, edizione 2023
46ª Marcia del giocattolo, edizione 2023
46ª Marcia del giocattolo (Marchiori/Perlini)

Sono 400 i runner agonisti che hanno partecipato alla 46ª marcia del giocattolo. Una mattinata baciata dal sole in cui tantissimi veronesi hanno deciso di prendere parte alla non competitiva di 5 o 10 chilometri che percorre il centro di Verona, e alla corsa «Family» di 2 chilometri.

Presenti anche i militari della caserma di Montorio. Corsa priva di barriere architettoniche, il cui ricavato andrà a favore di Abeo per la costruzione di due appartamenti che accolgono le famiglie e i piccoli pazienti malati. Il «Via» alla Fast è stato dato dall’assessora alle Politiche sociali, LuisaCeni.

Leggi anche
La Marcia del Giocattolo tocca quota 46: solidarietà e movimento nel nome dei bimbi

Marcia del Giocattolo 2023 (Perlini/Marchiori)

I vincitori

In 400 runner agonisti hanno partecipato alla 46ª marcia del giocattolo nel percorso competitivo della Fast, gara inserita nel calendario nazionale UISP e nel circuito “Verona con la Corsa”. Il più veloce è stato Marco Fontana Granotto (Insieme Verona): ha impiegato 32’30” a percorrere i 10 km dalla Bra poi verso ponte Pietra e dal Lungadige a Ponte Catena, per rientrare nel salotto della città attraverso San Zeno e Valverde; 33’23” per Alessandro Brusco (Malavicina), sempre categoria m20 che ha soffiato il secondo gradino del podio all’m30 Vittorio Marchi (Bolf Team) che ha chiuso in 33’29”.

La Km Sport festeggia il bel risultato della f30 Elisabetta Longo, prima fra le donne in 38’41” e della f50 Chiara Caniglia in 39’48”, sul podio anche la f45 Sara Brentarolli (Revelo) in 40’04”.

In una mattinata baciata dal sole promesso dagli organizzatori della Straverona, oltre 4500 runner hanno preso parte ai due percorsi della Classica, la non competitiva di 5, o 10 km sullo stesso percorso della Fast, e un’ora più tardi alla Family di 2 km dedicata ai più piccoli che hanno corso con mamma e papà.

Ai piccoli è stato dedicato il gazebo di Santa Lucia dove hanno potuto depositare le proprie letterine e scegliere i giochi desiderati da trovare la mattina del 13 dicembre; il ricavato della manifestazione insieme ai 5000 pettorali staccati, è a favore di Abeo per la ristrutturazione di due appartamenti dedicati ai piccoli pazienti malati e alle loro famiglie. 

Al claim #corriconilcuore hanno aderito anche i militari del 85° RAV di Verona che hanno dato ritmo alla manifestazione. Concluse le corse, in Bra i partecipanti si sono rifocillati con biscotti, the e cioccolata calda.

Anna Perlini

Suggerimenti