CHIUDI
CHIUDI

17.11.2019

Tagliate decine di alberi malati sul Tione

Le operazioni di pulizia al ponte di legnoI volontari alle prese con un tronco vicino a un grosso alberoEmanuele Zorzi
Le operazioni di pulizia al ponte di legnoI volontari alle prese con un tronco vicino a un grosso alberoEmanuele Zorzi

Sono iniziati ieri mattina presto e continueranno anche per oggi, tempo permettendo, i lavori lungo il corso urbano del Tione. Al parco, infatti, che corre su via Muraglie, non veniva messa mano da quasi dieci anni. Stanno lavorando alla riqualificazione dell’area quattro diverse squadre della protezione civile Ana, associazione nazionale alpini, arrivate da tutta la provincia. Per i 35 volontari si è trattato di una esercitazione. Ma è diventata anche un’operazione in vista dell’appuntamento del prossimo fine settimana quando associazioni del territorio e cittadini si metteranno all’opera per raccogliere i rifiuti abbandonati in città nella due giorni di Puliamo Villafranca. Prime che le squadre entrassero in azione, però, un agronomo individuato dal Comune ha indicato quali piante abbattere. Si tratta infatti di esemplari malati oppure già morti. Un ulteriore problema affrontato è stato quello dell’edera infestante che, non essendo mai stata rimossa, ha lentamente soffocato le piante. Per questo gli uomini della protezione civile hanno estirpato alla radice le rampicanti che verranno lasciate seccare. Nell’arco dei due giorni verranno abbattuti una trentina di alberi. Più in generale, il numero di piante da controllare, e quindi eventualmente da tagliare, è però molto più alto. Nel primo tratto di via Muraglie, quindi fino al ponte di via Nino Bixio, su 183 esemplari quelli finiti sotto la lente d’ingrandimento sono ben 77. Dal ponte fino a viale Olimpia, quindi in prossimità delle piscine comunali, 85 su 140. «Questi sono quelli segnalati. Verranno abbattuti anche più avanti: non tutti in questi giorni», spiega il tecnico forestale Francesco Vesentini. «Villafranca è uno dei primi comuni a Verona che dà avvio a questi progetti. Ci troviamo a lavorare in una zona urbana e prettamente boschiva», continua l’agronomo, «e ci sono troppe piante che una con l’altra si ostacolano. Poi c’è da eliminare la robinia che è invasiva. Vogliamo ripristinare la composizione autoctona». Ma si tratta anche di interventi di messa in sicurezza del parco sempre molto frequentato. Alle quattro squadre Ana della sezione di Verona, la Mincio, Basso lago, Basso Veronese e Valpolicella, sarebbero dovute intervenire anche quelle dall’area nord e est della provincia. Queste, però, sono state impegnate in altri controlli dovuti alle piogge abbondanti di questi giorni. In particolare una, specializzata in attività più rischiose, sarebbe stata impiegata a Villafranca per togliere le ramaglie incastrate fra i massi dentro al fiume. Operazione che, se possibile, verrà posticipata ad oggi. «Il lavoro che stiamo facendo», spiega il caposquadra della protezione civile Emanuele Zorzi, «permette ai ragazzi e ai volontari che vorranno partecipare alla due giorni di Puliamo Villafranca di farlo. Altrimenti sarebbe stato troppo difficile raccogliere i rifiuti nel sottobosco». I 35 volontari, ieri, sono stati ospitati alla baita degli alpini per pranzo prima di riprendere le attività che sono proseguite fino alle 17. «Il lavoro è stato necessario perché molti alberi sono malati, morti o infestanti. C’è già il piano per la messa a dimora di quelli nuovi», sottolinea l’assessore Riccardo Maraia. I tronchi tagliati saranno accatastati nel parcheggio di via Fogagnolo e sono a disposizione dei cittadini che potranno andare e prenderli. •

Nicolò Vincenzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1