CHIUDI
CHIUDI

22.04.2019

Pasqua con i fiocchi,
10 nati in tre giorni
al «Magalini»

Un neonato durante l’allattamento
Un neonato durante l’allattamento

È una Pasqua con i fiocchi al reparto di pediatria dell’ospedale Magalini di Villafranca. Ce ne sono tanti, più del solito. Rosa e azzurri affollano il corridoio. Sono dieci i bambini nati negli ultimi tre giorni e sono cifre che fanno ben sperare, di certo in aumento rispetto all’anno scorso. È la prima Pasqua dopo la riapertura della struttura e le mamme e i papà arrivati al Magalini sembrano intenzionati a far recuperare il tempo perduto, visto che l’ospedale per 15 anni è rimasto chiuso. C’è felicità in quell’ala dell’edificio.

 

Tanti i nomi appesi alle porte delle stanze dove i genitori stanno imparando da poche ore cosa significhi esserlo. Una vigilia diversa dal solito anche per chi è abituato alle nascite. «Sarà per la luna piena di questi giorni, ma sono cifre importanti. Avrà giocato un ruolo anche lei», spiega il primario di pediatria del Magalini, Mauro Cinquetti, commentando i tanti parti delle ultime ore fra quelli tradizionali e quelli in acqua. Novità, quest’ultima, attiva nella struttura da poche settimane con una vasca allestita dentro la sala parto. «Tutto il piano materno-infantile», prosegue il primario, «vive ora un momento di particolare soddisfazione. Il reparto neonatale in questi giorni sta registrando il tutto esaurito». Per questo, due mamme sono state sistemate nell’ala vicina del reparto perché non c’era più un letto libero.

 

«Quest’anno», continua il primario, «ci sarà un’inversione. Dati alla mano, ma si tratta ovviamente solo di una previsione, possiamo dire che a fine anno avremmo un incremento del numero di neonati rispetto al 2018». «Al Magalini ci sono numeri confortanti anche per quanto riguarda il personale», prosegue Cinquetti che nella giornata di ieri, alla visita dell’amministrazione comunale ha accolto sindaco, assessori e consiglieri anche in rappresentanza del primario di ostetricia e ginecologia Marco Torrazzina impegnato in un viaggio all’estero. «Il numero dei pediatri, figure come sappiamo sempre più carenti», aggiunge Cinquetti, «qui invece sono adeguati. Siamo riusciti a ricreare lo staff al completo. Siamo quindi molto soddisfatti».

 

Pediatria vive così un buon momento e lo dimostrano anche i corsi preparto che si tengono periodicamente proprio all’ospedale. L’ultimo, organizzato nell’aula magna del Magalini, ha registrato anche in questo caso il tutto esaurito: «Abbiamo dovuto portare delle sedie aggiuntive perché c’era il pienone di pance e di futuri papà», commenta sorridente il primario. Durante la giornata di ieri è stato annunciato anche un nuovo progetto in collaborazione con l’assessore all’istruzione Anna Lisa Tiberio che coinvolgerà l’ospedale e gli istituti del villafranchese per creare, come spiega Cinquetti «un collegamento fra il territorio e l’ospedale». L’anno scolastico prossimo, infatti, verrà indetto un concorso e gli studenti realizzeranno disegni sul tema della pediatria da esporre nel reparto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicolò Vincenzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1