CHIUDI
CHIUDI

19.09.2019

Medici e infermieri in piazza per un giorno

La presentazione dell’iniziativa «L’ospedale tra la gente»   FOTO PECORA
La presentazione dell’iniziativa «L’ospedale tra la gente» FOTO PECORA

A un anno dalla riapertura, il Magalini festeggia domenica, a Villafranca, in piazza Papa Giovanni XXIII di fianco al Duomo, con l’iniziativa «L’ospedale tra la gente», promossa dal distretto 4 dell’Ulss 9 Scaligera (ex Ulss 22) e dal Comune, in collaborazione con l’Ordine dei medici di Verona e la Conferenza dei sindaci dell’azienda socio-sanitaria. Saranno allestiti 11 stand nei quali il personale medico e infermieristico sarà a disposizione della popolazione per fornire informazioni sulle attività svolte dai vari servizi e unità operative, sensibilizzare sui temi della prevenzione e promuovere le eccellenze della sanità locale. «In questo anno abbiamo cercato di consolidare il ruolo dell’ospedale. Non mancano le difficoltà. Stiamo cercando di dotarlo di tutte le figure professionali necessarie: l’ostacolo oggettivo è determinato dalla scarsa disponibilità di candidati ai concorsi, soprattutto per reperire i medici», evidenzia il direttore generale, Pietro Girardi, che ieri ha presentato la giornata, affiancato dai vertici aziendali e da rappresentanti dell’amministrazione di Villafranca. La riattivazione del Magalini è arrivata a 15 anni dal rogo che ne aveva compromesso l’utilizzo. Nel frattempo, l’utenza del territorio è stata costretta a rivolgersi ad altre strutture per soddisfare la propria domanda di prestazioni e cure. La tendenza è ancora diffusa. Ma ci sono segnali di inversione. «La fiducia nel nuovo ospedale sale. Dalla riapertura delle sale operatorie, l’attività chirurgica programmata, che è indicatore del consenso dei pazienti, è salita del 20 per cento», rileva Paolo Montresor, responsabile della direzione medica ospedaliera. «Siamo sempre attenti alle sorti del nostro ospedale. L’evento di domenica ci impegna in prima linea. Abbiamo invitato le associazioni e i sindaci del distretto, ai quali ho chiesto di partecipare con la fascia tricolore, a dimostrazione della compattezza con la quale sosteniamo il Magalini», dice il sindaco Roberto dall’Oca, accompagnato dall’assessore con delega all’ospedale Luca Zamperini e dal vicesindaco, Francesco Arduini. «Informeremo dell’appuntamento anche le scuole e attraverso i ragazzi arriveremo alle famiglie. È nostra intenzione creare sinergie tra istituzione scolastica e ospedale, promuovendo incontri sulla prevenzione e programmi di screening», annuncia l’assessore alla pubblica istruzione, Anna Lisa Tiberio. «Patrociniamo l’iniziativa perché è intelligente: il nuovo ospedale è in crescita, ma occorre andare tra la gente per far conoscere le opportunità di salute che la struttura può assicurare», aggiunge il presidente del consiglio comunale e vicepresidente dell’Ordine dei medici di Verona, Lucio Cordioli, che ringrazia Girardi per lo sforzo nel reperire i medici mancanti e ricorda che servono ancora alcune attrezzature diagnostiche, ad esempio la risonanza magnetica. «La giornata ha anche l’obiettivo di chiarire il ruolo di una Ulss, diverso da quello di un’azienda ospedaliera: la Scaligera è aperta al territorio e eroga servizi in rete, con altri presidi territoriali, ad esempio distretti e ambulatori dei medici di medicina generale che in alcuni casi non conoscono ancora nel dettaglio quanto il Magalini può offrire», afferma il direttore sanitario, Denise Signorelli. «Proprio i medici di base dovranno essere coinvolti in una prossima edizione di questa iniziativa», precisa il direttore generale. «Perché l’intenzione è di replicare il format in futuro e anche sul territorio di tutta la provincia», conclude il sindaco di Nogara e presidente della Conferenza dei sindaci della Scaligera, Flavio Pasini. •

Valeria Zanetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1