CHIUDI
CHIUDI

29.03.2020

Le lacrime dell'agente: «Scusate se sono troppo dura, ma non dobbiamo mollare»

Un grido, una supplica prima di scusarsi per essere stata troppo dura con i compaesani nel costringerli a stare chiusi a casa.

A parlare, con la voce rotta dalla commozione, è Giulietta Bicego, l’unico agente di polizia locale a Povegliano. Lo ha fatto, microfono in mano, alle 18 quando la musica a tutto volume mette un po’ da parte l’ansia di questi giorni. Ci stanno pensando i social, in queste ore, a diffondere le sue parole. Il video è stato postato sul gruppo Facebook aperto al pubblico “Sei di Povegliano se...” da Barbara Piccoli.

 

In poco tempo ha ricevuto tantissimi like, condivisioni e commenti. «Il momento è brutto», dice Bicego trattenendo a stento le lacrime, «e per quel che mi riguarda ho fatto tutto quello che mi era possibile fare. Sto lavorando dal 9 di marzo ininterrottamente e la notte piango». È stata lei, insieme ad alcuni volontari della protezione civile, a passare casa per casa per consegnare le mascherine di protezione. Sempre lei a controllare che la quarantena – se non per casi di necessità – fosse rispettata.

«Capisco», prosegue la vigilessa, «che a volte sono stata un po’ aggressiva, ma vi posso giurare che avere un figlio medico a casa in quarantena per aver soccorso una persona positiva non è certo il meglio della vita». E ancora: «Se sono stata un po’ aggressiva vi chiedo scusa, ma finché questa lotta dura io sono qua».

Nicolò Vincenzi
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie