CHIUDI
CHIUDI

11.01.2020

Funerale al cimitero per il sinti ucciso per una vendetta

Erano non meno di quattrocento le persone che ieri mattina si sono radunati davanti al cimitero di Villafranca per dare l’ultimo saluto ad Omar Ghirardini. È il sinti bresciano di 35 anni che sabato scorso è stato ucciso per vendetta dopo una lite dal fratello della sua ragazza, la quale fa parte di una comunità rom. Il feretro di Ghirardini è arrivato a Villafranca verso mezzogiorno e decine e decine di parenti ed amici si sono dati il cambio nel trasportarlo a spalle lungo i trecento metri e più che separavano il punto di arrivo del carro funebre dal camposanto. Un tragitto che il corteo dei partecipanti al rito di addio ha effettuato camminando su un vero e proprio tappeto di fiori multicolori, dietro ad un’auto che viaggiava a passo d’uomo suonando a tutto volume con l’autoradio canzoni melodiche e pop, probabilmente le preferite di Omar. Fra coloro che sono arrivati anche da lontano a rendere omaggio a Ghirardini, qualcuno addirittura viaggiando su camper o portandosi dietro una roulotte, alcuni indossavano sopra ai giubbotti magliette con sulle spalle la scritta guerriero e sul davanti una foto che ritraeva il defunto. Un’immagine che era anche una di quelle che erano state riprodotte sui due manifesti che aprivano il corteo. Una volta arrivati davanti all’ingresso del cimitero, chi la stava portando ha innalzato in alto la bara, tenendola sopra le teste di tutti per qualche minuto. Un estremo omaggio salutato con un applauso, venato di commozione, dai presenti. La morte di Omar Ghirardini ha suscitato dolore fra chi lo conosceva e sgomento fra i bresciani. Sia per il modo con cui è avvenuta, il trentacinquenne è stato infatti travolto volutamente con un suv lungo una via della città e poi lasciato a terra, che per la preoccupazione che possa essere alla base di ulteriori rivalse. •

LU.FI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie