CHIUDI
CHIUDI

13.03.2020

Per i droni è un «triangolo delle Bermude»

Il drone della ragazzina di Viagasio, sparito pochi giorni faLa zona dove spariscono i droni, fotografata da... un drone
Il drone della ragazzina di Viagasio, sparito pochi giorni faLa zona dove spariscono i droni, fotografata da... un drone

Valerio Locatelli Forette come il triangolo delle Bermude? Così almeno pare per i droni, piccoli velivoli radiocomandati, che sempre più spesso spariscono nei cieli sopra il paese che confina con i comuni di Castel d'Azzano e Vigasio. Il Triangolo è un tratto di Oceano Atlantico compreso tra l'arcipelago delle Bermude, Puerto Rico e la Florida. Gli appassionati di misteri sanno che lì, nel corso degli anni, diverse navi ed aerei sarebbero scomparsi senza lasciare traccia. L'ultimo drone a sparire a Forette è stato quello di una ragazzina di undici anni che in questi giorni, a casa da scuola a causa dei provvedimenti per l'emergenza del coronavirus, aveva deciso di trascorrere alcune ore all'aria aperta radiocomandando il velivolo, ricevuto in regalo dai compagni di scuola. «È disperata», affermano i genitori. «Ha cercato il drone in tutto il paese ma le ricerche effettuate sono state vane». Così sua mamma ha pensato di affiggere decine di cartelli nella zona dove presume sia atterrato, un’area attraversata dalla pista ciclabile delle risorgive, molto frequentata da ciclisti e pedoni. Sui cartelli lancia una richiesta di aiuto per trovare il drone sparito. «Ieri (lunedì 9 marzo, ndr) mia figlia ha perso un drone nero e rosso. Se lo trovate potete portarlo a casa di Bonomi Maurizio, via San Martino 17/a». Attenzione: chi lo ritrova, se non lo restituisce, rischia una denuncia per appropriazione indebita di oggetto smarrito. «In teoria potrebbe trovarsi nei campi della zona verso Castel d'Azzano attorno alla ciclabile», continua la madre. «Era nuovo, lo ha usato soltanto un paio di volte perché aveva paura di perderlo. E purtroppo così è stato». Non è la prima volta che a Forette viene smarrito un drone nei campi. Tre anni fa, nell'autunno del 2017, successe a Lorenzo Bodini, 53 anni, ingegnere edile. Il velivolo, un modello Payload Jamara, gli era stato regalato in occasione del compleanno. «Proprio così», spiega il proprietario. «L'avevo smarrito la mattina del 30 settembre. Mentre lo stavo testando, l’ho perso improvvisamente di vista. Il drone mi era stato regalato da amici, pochi giorni prima». Ricorda l'ingegnere: «Avevo da poco iniziato a pilotare questo velivolo quando l'ho portato a una quota superiore a quella degli edifici attorno, all'incirca 10 metri, cercando di mantenerlo all'interno della mia proprietà». Poi qualcosa non è andata per il verso giusto. «A causa del vento che soffiava quel giorno e di un errore di manovra», racconta Bodini, «il drone ha sorvolato le abitazioni al di là della strada e in pochi attimi si è diretto sui campi che si trovano tra Forette e Isolalta, non rispondendo più ai comandi. L'ho visto allontanarsi nella zona sopra la nuova pista ciclabile e non ho potuto seguire il tragitto e l'eventuale atterraggio, perdendolo di vista poiché gli alberi mi ostruivano la visuale». È così che il drone multirotore è andato disperso, allontanandosi nel cielo. Proprio come è successo alla bambina, in questi giorni a casa da scuola. E il mistero dei droni scomparsi continua. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie