CHIUDI
CHIUDI

29.02.2020

Il Comune paga il restauro dell’antico vaso della chiesa

La chiesa parrocchiale di Vigasio
La chiesa parrocchiale di Vigasio

Poco meno di tre secoli fa il Comune lo aveva donato alla parrocchia come segno di ossequio. Ora l’amministrazione comunale ha deciso di sostenere le spese per il suo restauro. Stiamo parlando di un arredo sacro dalla lunga storia, che dal 1726 fa parte del corredo liturgico della chiesa di Vigasio. Si tratta di un turibolo, il vaso nel quale viene bruciato l’incenso durante le funzioni religiose, e della navetta sovrastante, che riporta lo stemma municipale. L’arredo riporta la data precisa, che si presume sia quella della donazione. Da allora è stato usato nei riti celebrati in chiesa. Recentemente, però, è apparso evidente che il passare del tempo aveva lasciato il segno. Il turibolo e la navicella, infatti, risultavano aver bisogno di una sistemazione. Per questo la parrocchia prima ha fatto presente la situazione ai fedeli, lanciando una sottoscrizione, e poi ha deciso di interpellare anche l’amministrazione comunale. Uno dei due parroci, don Marco Crescente, ha presentato una richiesta di contributo al Comune, a sostegno delle spese per il restauro. La sua domanda non è rimasta inascoltata. Recentemente, infatti, gli uffici comunali, su disposizione degli amministratori, hanno adottato una determina che prevede l’erogazione a favore della parrocchia di 1.500 euro. Don Crescente aveva documentato una spesa per il restauro dell’incensiere, che è stato realizzato da una ditta del Padovano specializzata nella sistemazione di arredi sacri, di 1.500 euro più iva al 22 per cento. •

LU.FI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie