CHIUDI
CHIUDI

23.01.2020

«Stelle della lirica» pronte a ritornare al parco Sigurtà

Fabio Ciprian
Fabio Ciprian

Confermato, proprio a Capodanno, alla Fenice di Venezia, l’evento agostano al Parco Sigurtà «Stelle della lirica». Tra gli interpreti saliti sul palco del tempio della lirica veneziano c’era anche il baritono emiliano Luca Salsi, ospite in passato del concerto di ferragosto che l’Associazione Arti e Mestieri Musica (Aamm) organizza a Valeggio da un decennio. Salsi è solo l’ultimo di una lunga serie di interpreti che il pubblico di «Stelle della lirica» ha ammirato a Valeggio, ritrovandoli poi alla Fenice per il Concerto di Capodanno. Tra gli altri, la soprano Desirée Rancatore e i tenori Celso Abelo e Francesco Meli. «Non si può certo dire che cantanti di questo calibro», si schermisce Fabio Ciprian, presidente Aamm, «abbiano avuto bisogno del palcoscenico valeggiano ma magari gli abbiamo portato fortuna». Soddisfatto Ciprian: «Fin dalla prima edizione abbiamo puntato su grandi nomi, mescolando voci già affermate e giovani promettenti, come Gregory Kunde, Serena Gamberoni, Simone Piazzola, Ambrogio Maestri e Renato Bruson. Ma la lista è lunga». Il segreto per coinvolgere cantanti abituati a palcoscenici prestigiosi, da quello areniano alla Scala e a altri internazionali, sta in un insieme di fattori. «C’è spesso un legame di amicizia», spiega Ciprian, che ha un passato da cantante lirico, «che permane nel tempo. Molti di loro li sento abitualmente. Poi c’è l’accoglienza che trovano qui, che li fa sentire a casa. Da ultimo, non meno importante, le bellezze del territorio, dal parco Sigurtà a Borghetto, assi nella manica che ci pongono in posizione privilegiata». Poi Ciprian torna sulla stagione di eventi conclusa da poco che ha visto la conferma di un grande interesse per gli spettacoli musicali nelle corti storiche: «È un nostro cavallo di battaglia su cui punteremo anche nel 2020. Se si trovassero dei partner sarebbe bello anche realizzare un Concerto di Capodanno per il 2021, magari al palazzetto dello sport e che si concludesse con un pranzo, per fare comunità». •

A.F.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie