CHIUDI
CHIUDI

13.12.2019

Parte il «Controllo di vicinato» via Whatsapp

Il consigliere Maurizio Cassano
Il consigliere Maurizio Cassano

Una chat di Whatsapp controllata e gestita dalla polizia municipale e dal Comune. Nasce così a Sommacampagna il servizio di controllo del vicinato. Un’auto sospetta, un’anomalia, una persona che si aggira dove non dovrebbe, un allarme che continua a suonare. Il cittadino potrà segnalare alla chat ogni cosa che possa essere utile per sventare un furto, una rapina o un’aggressione. Ma per avere garanzia di veridicità e fondatezza delle segnalazioni, i cittadini, per iscriversi alla chat, dovranno compilare un modulo da consegnare alla polizia municipale e nella chat stessa ci saranno anche il vicecomandante dei vigili e il consigliere comunale delegato alla sicurezza, Maurizio Cassano. L’amministrazione comunale ha mutuato il Controllo del vicinato dall’esperienza americana. Il modulo si chiede al comando dei vigili. «Spesso», spiega Cassano, «i cittadini segnalano anomalie, eventuali falsi tecnici di acqua, luce e gas, o persone strane, ma lo fanno sulle pagine di Facebook. Non è automatico, infatti, da parte loro chiamare carabinieri o i vigili. E forse hanno anche un po’ di timore. Così abbiamo aperto questa chat di Whatsapp perché le segnalazioni non si disperdano e siano anche verificate: a volte sui social network passano appelli vecchi di anni». La chat è già funzionante e nei giorni scorsi diversi cittadini ci hanno riferito di un’auto che da tempo era parcheggiata in un’area e i vigili hanno verificato di chi fosse. «Per i cittadini», conclude Cassano, «la chat è un modo per sentirsi più sicuri e per la polizia municipale è utile per capire cosa sta accadendo». Saranno posti anche cartelli nel capoluogo e nelle frazioni che segnalano che è attivo il Controllo del vicinato. •

Maria Vittoria Adami
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1