CHIUDI
CHIUDI

19.03.2019

Il golf veronese
vince il derby
contro il Padova

Il presidente del golf club Verona Gustavo Bussinello premia il capitano della squadra vincitrice Federico Cimolini
Il presidente del golf club Verona Gustavo Bussinello premia il capitano della squadra vincitrice Federico Cimolini

La Verona del golf vendica quella del calcio e il derby tra il golf club Verona e il golf club Padova se lo aggiudicano gli scaligeri.

 

Tradizionale appuntamento con il torneo Interclub, appassionante sfida tra due storici sodalizi golfistici veneti, quello di Sommacampagna e quella patavino, situato nel cuore dei colli Euganei a Valsanzibio di Galzignano Terme. Andata giocata in terra padovana e Verona subito corsara.

 

La formula prevista per la due giorni di gara era quella della sfida a coppie, una quattro palle la migliore e una quattro palle aggregata. Da tenere buoni i sette migliori risultati sia del match giocato a Padova sia di quello del giorno successivo a Sommacampagna. Al golf club Padova i componenti la squadra capitanata da Federico Cimolini mettono subito le cose in chiaro. Zenorini-Bellaro guidano il gruppo scaligero che si avvale dei buoni risultati di Santoni-Bregani, Sandro Benedetti-Azzali, Poggi-Da Sacco, Ghidoni-Malachini, Arvedi-Cimolini e Luigino Benedetti-Procura.

 

Vantaggio già consistente, 323 punti contro i 306 di Padova, difeso e aumentato nella gara sul tracciato di casa. Luigino Benedetti-Procura questa volta tirano la volata alle altre coppie scaligere Arvedi-Cimolini, Ghidoni-Malachini, De Marzi-Barisi, Zenatti-Castello, Bellaro-Zenorini, Celiberti-Lozito.

 

Il finale è un trionfo gialloblu: Verona punti 697, Padova 629. Tensioni che nelle premiazioni si stemperano grazie anche alla presenza di due ospiti davvero graditi, le leggende dello scudetto Hellas Gigi Sacchetti e Pierino Fanna. Coppa che ora fa bella mostra di sè' nella bacheca dei trofei del golf club Verona in attesa della prossima sfida. Come a dire che capitan Cimolini, premiato al termine della due giorni di gara, questa volta ha fatto meglio di Fabio Grosso, uscito con le ossa rotte da doppio derby di campionato con il Padova.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1