CHIUDI
CHIUDI

17.08.2019

Sbloccati gli investimenti: lavori al cimitero e telecamere

Il cimitero di Povegliano verrà ampliato, nuovi loculi e intervento alla facciata   FOTO PECORA
Il cimitero di Povegliano verrà ampliato, nuovi loculi e intervento alla facciata FOTO PECORA

Guardare avanti, andare oltre. Sono le parole d’ordine a Povegliano ora che si può progettare il futuro. E l’amministrazione guidata da Lucio Buzzi, che ha da poco compiuto tre anni, programma i suoi investimenti. Chiusa la partita con la Corte dei conti, si apre un panorama tutto nuovo e l’investimento più grande, inserito nel piano triennale delle opere approvato nell’ultimo consiglio comunale, sarà quello al cimitero. Il mezzo milione stanziato servirà ad ampliare la struttura nell’ala destra che, una volta terminato il cantiere, sarà speculare a quella sinistra. La cifra di 350mila euro era già stata devoluta alla causa cimitero, ma la maggioranza ha aggiunto alla somma ulteriori 150mila per ampliarne la portata. Non si tratta però solo di un ampliamento: oltre ad aumentare i loculi verrà infatti anche sistemato l’ingresso del cmitero. L’altra priorità su cui punta forte l’amministrazione è la sicurezza. A bilancio ci sono 48mila euro per l’installazione di 10 telecamere di videosorveglianza (oltre alle quattro già presenti) nei punti strategici del paese. A questi 48mila euro se ne aggiungono altri 60mila, sempre per la sicurezza, ma stradale. Verrà posizionato un semaforo intelligente, di quelli che fanno scattare il rosso una volta superata la velocità massima consentita, probabilmente su via Piave. Verranno realizzati dossi artificiali su via Fratelli Rosselli, resi necessari dopo l’apertura della strada in direzione della nuova lottizzazione La Crose, e speedcheck: l’autovelox. «È un aspetto a cui tengo molto», commenta il sindaco Buzzi, «perché è una questione che portiamo avanti dalla campagna elettorale. Ora dobbiamo ragionare su dove sia più opportuno inserirli». Per le asfaltature, invece, sono stati messi a bilancio 250mila euro, ma prima di capire su quali tratti si interverrà, servirà completare uno studio che verrà curato dall’ufficio tecnico. Sicuro invece è l’intervento sulla passerella, sopra al fiume Tartaro, tra via Vittorio Veneto e via Parini, da tempo transennata per una cifra che si aggira intorno ai 95mila euro. Certo è anche l’intervento in via Campagnole. Qui infatti il caseificio La leonessa amplierà la volumetria, ma il Comune ha ottenuto un arretramento di qualche metro rispetto alla strada per garantire maggior sicurezza nel passaggio. Nella stessa operazione, sempre su via Campagnole, verrà sistemato l’asfalto e completata l’illuminazione pubblica. Ai 70mila euro arrivati nelle casse di Povegliano direttamente da Roma, inoltre, l’amministrazione ne ha stanziati altri 20mila per adeguare la centrale termica dei campi sportivi: ne potranno beneficiare i calciatori che quotidianamente utilizzano gli spogliatoi. «Sarà un impianto efficiente, a energia rinnovabile», fa sapere il primo cittadino. Un sogno nel cassetto rimane la sistemazione dell’incrocio, pericoloso, del ponte quadruplo in via San Giovanni. «Stiamo lavorando a un finanziamento da parte della provincia», commenta Buzzi. Chiusa la partita con i giudici, a Venezia si aprono porte anche per la scuola dell’infanzia Monsignor Bressan. L’amministrazione, oltre ad aver stipulato la nuova convenzione (per due anni non era stata rinnovata), ha messo a disposizione dell’ente 50mila euro che potranno essere utilizzati per progetti di vario tipo. Ma si tratta, è bene precisarlo, solo di un contributo eccezionale. Buzzi preferisce non tornare sulle vicende del recente passato, ormai lasciate alle spalle. «L’opera di bonifica dei conti pubblici ha portato ad avere le cifre da reinvestire sul nostro territorio e per la salvaguardia dell’ente», l’unico commento del sindaco, che aggiunge: «Come detto il 2019 è l’anno del rilancio per Povegliano». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicolò Vincenzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1