CHIUDI
CHIUDI

20.09.2019

Protezione civile a caccia di volontari

Un mezzo della Protezione civile durante un’esercitazione
Un mezzo della Protezione civile durante un’esercitazione

La protezione civile riparte dopo la pausa estiva con nuove attività. Sono pianificate in parte dal direttivo del gruppo e altre, nel lungo periodo, con l’amministrazione comunale in concomitanza con la durata del mandato quinquennale. Già dal luglio scorso, durante la sagra paesana, la protezione civile di Mozzecane si è impegnata a cercare nuovi volontari, sempre più difficili da trovare. Il coordinatore del gruppo Riccardo Nichele spiega come ha tentato di sensibilizzare la popolazione: «Il gruppo ha creato un percorso “Avventura” per i bambini, con lo scopo non solo di diffondere lo spirito di solidarietà e l’attenzione alle finalità del gruppo, ma anche di coinvolgere i genitori. Abbiamo bisogno anche di nuove leve e di un ricambio generazionale». Nello stand del percorso “Avventura”, inoltre, sono stati inseriti anche video esemplificativi sulla storia delle missioni del gruppo. E alla fine, c’è stato interesse per il gruppo e per quello che fa. Nichele, nella riunione dello scorso 10 settembre, ha portato a sette le nuove potenziali iscrizioni che porterebbero il gruppo a superare la trentina di volontari. «È stata una iniziativa straordinaria», commenta il consigliere comunale Fernando Luigi Barana con delega alla Protezione Civile locale. «Un’iniziativa che ha fatto la differenza in termini di attenzione verso questo gruppo e le sue attività. Sentiamo parlare spesso di protezione civile quando ci sono emergenze. In realtà dovrebbe esserci quotidianamente una buona focalizzazione su questo mondo e sulla cultura di protezione civile che riguarda non soltanto gli addetti ai lavori, ma tutta la cittadinanza». Il gruppo di Mozzecane e l’amministrazione comunale hanno pianificato le attività propedeutiche per diffondere la cultura di prevenzione e risoluzione dei rischi presenti sul territorio. Di fatto, è in programma di effettuare una esercitazione nella prossima primavera proprio sui rischi elencati nel piano comunale di protezione civile presentato alla cittadinanza proprio un anno fa. Va ricordata l’attività svolta nelle scuole per informare ed educare le nuove generazioni che proseguirà con nuove modalità. Per sabato prossimo è fissata un’esercitazione ordinaria tra quelle pianificate durante l’anno con lo scopo di provare le motopompe in dotazione è verificare la corretta funzionalità delle attrezzature generali. «Queste attività», sottolinea Riccardo Nichele, «vanno svolte con regolarità per garantire così la perfetta efficienza di tutte le risorse in caso di chiamata per qualsiasi emergenza non solo locale, ma anche provinciale, regionale e nazionale». Il gruppo ha partecipato a diverse emergenze fuori da Mozzecane, non ultima a maggio 2019 a Peschiera del Garda per inondazione di cantine. •

Vetusto Caliari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1