CHIUDI
CHIUDI

04.10.2019

Furti a stand, vigilanti della Fiera arrestati

I due addetti alla sicurezza sorpresi dalle telecamere nel bar della Fiera del riso
I due addetti alla sicurezza sorpresi dalle telecamere nel bar della Fiera del riso

Si aggiravano apparentemente per controllare che nessun malintenzionato si avvicinasse agli stand nell’area espositiva dalla Fiera del riso dopo l’orario di chiusura. Ma due uomini della vigilanza notturna, secondo l’accusa, ne approfittavano per rubare. Colti sul fatto, sono stati arrestati alle quattro del mattino di ieri dai carabinieri di Isola della Scala. Il titolare dello stand del bar Kalinka, infatti, si era accorto che da qualche giorno mancava il fondo cassa che lasciava nella sua bancarella in via Prà del Piganzo a fine serata. E alla conta, la mattina dopo, anche alcune bottiglie di alcolici non c’erano. Eppure era certo di aver lasciato tutto al suo posto solo qualche ora prima. Insospettito, il gestore del locale di Isola della Scala, aveva fatto installare le telecamere dentro il chiosco. Riguardando i video, la sorpresa. A rubare erano due addetti alla vigilanza notturna. In uno dei tanti filmati si vede chiaramente la coppia con la pettorina con la scritta «sicurezza» catarifrangente entrare nello stand in piena notte, dare un’occhiata alla cassa e poi avvicinarsi al grande frigo a colonna. Si vedono mentre puntano le torce elettriche utilizzate per la ronda e quindi uscire. Si tratta di C.C., 56enne, di Lonigo e D.A., 55enne, che invece abita in un piccolo paese della bassa veronese. Entrambi italiani, erano stati assunti da Ente fiera per effettuare i servizi di vigilanza ai padiglioni. L’accusa è di tentato furto aggravato in concorso, ma solo perché le manette sono scattate ai polsi dei due vigilantes un attimo prima che si consumasse il reato. Qualche giorno fa il titolare del bar aveva denunciato il furto. Era avvenuto durante la notte, fuori dall’orario di apertura, nella zona della fiera dove diversi locali isolani, proprio in occasione della Fiera del riso che richiama ogni anno mezzo milione di visitatori, hanno allestito i propri stand. Il gestore, per capire chi si intrufolasse, aveva installato un paio di telecamere a circuito chiuso. Una riprendeva lo stand dall’alto, l’altra, invece, era posizionata vicino alla macchina del caffè e inquadrava dritto in direzione della cassa. I filmati, che sono stati acquisiti dai militari, forniscono ulteriori prove schiaccianti. Ma è stato grazie al lungo appostamento dei carabinieri di Isola della Scala, impegnati anche per tutta la giornata di ieri, a portare al doppio arresto. Sono serviti militari in borghese e in divisa per controllare quanto succedesse in quell’area. E ieri, intorno alle quattro del mattino, sono scattate le manette. C.C. e D.A., sono stati colti in flagrante. Quando i militari sono piombati nello stand uno dei due stava recuperando il denaro dalla cassa per un bottino che in totale si aggira intorno ai 500 euro. E mentre il collega prelevava i soldi, l’altro addetto alla sicurezza, che nel frattempo si era accorto delle telecamere che lo stavano riprendendo, stava cercando di metterle fuori uso danneggiandole. Ma è stato tutto inutile. Fermati, sono stati portati nella caserma di Villafranca in attesa poi del rito per direttissima davanti all’autorità giudiziaria che ha convalidato l’arresto. Il magistrato ha poi disposto la liberazione dei due indagati che sono stati rilasciati nel pomeriggio. I loro avvocati hanno chiesto i termini per organizzare la difesa e, così, il processo inizierà tra qualche settimana. I furti, però, non sarebbero limitati solamente allo stand del bar Kalinka. I due, infatti, sono stati accusati anche per ulteriori sottrazioni di altri prodotti, avvenute nei giorni precedenti, per un bottino complessivo inferiore ai mille euro. Altri gestori, infine, sarebbero rimasti vittima, durante i giorni della fiera, di ammanchi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicolò Vincenzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1