CHIUDI
CHIUDI

26.07.2019

In prestito 11mila libri Si legge di più in paese

Libri in esposizione
Libri in esposizione

Undicimila titoli e un boom di prestiti, cresciuti del 21,5 per cento nel 2018. Sale il gradimento degli abitanti di Mozzecane per la biblioteca comunale di Villa Ciresola, che si arricchisce di nuovi libri e programma iniziative per l’autunno. «La struttura ha un ruolo molto importante, anche grazie al potenziamento degli ultimi anni che l’ha trasformata da semplice luogo di lettura a centro multiservizi, con connessione internet, attività culturali, spazio per bambini e 11mila titoli a disposizione. Un successo testimoniato dall’aumento dei prestiti e dei fruitori: 2.273 iscritti; 877 frequentatori assidui tra ragazzi e adulti», spiega l’assessore alla Cultura e vicesindaco, Tomas Piccinini. Dall’autunno la biblioteca sarà fulcro di un importante progetto che proseguirà fino al 2020. «Aderendo ad un bando della Provincia, abbiamo la possibilità di organizzare mostre e incontri culturali dedicati al Novecento», anticipa, «con immagini d’epoca di Mozzecane, che faranno conoscere molti aspetti poco noti del paese». In questi giorni sono arrivati anche nuovi libri per promuovere nei lettori più piccoli la sensibilità per la natura e i temi ambientali. Si tratta di volumi dedicati all’ornitologia, ai parchi, all’ambiente acquatico e a tante storie di animali, donati da Eom Italia, la più grande scuola di osteopatia del mondo, che conta cinque sedi in Italia compresa quella di Mozzecane, a villa Vecelli Cavriani. Oltre ai volumi sono stati regalati anche segnalibri realizzati dalla scuola per la salvaguardia della tartaruga marina Caretta caretta, che nidifica lungo la costa ionica della Calabria. «A gennaio abbiamo deciso di “adottare” le tartarughe marine, che rischiano l’estinzione anche per la plastica gettata in mare, causa di morte per il 90 per cento degli animali marini», spiega Andrea Turrina, socio fondatore e direttore di Eom Italia, che conta oltre 600 studenti nel Paese. «Oltre a compiere una donazione per l’associazione Caretta Caretta, abbiamo messo il logo della tartaruga su tutto il materiale didattico della scuola, con l’invito a non gettare la plastica». Il Comune ha apprezzato molto l’iniziativa: da lì la richiesta di poter allegare un segnalibro sulla campagna a salvaguardia della tartaruga ai volumi regalati che vengono prestati in biblioteca. «Abbiamo così deciso di donare segnalibri e oltre all’ottantina di testi. Libri semplici e coloratissimi, con storie che possono coinvolgere i bambini portandoli ad amare la natura. Un piccolo gesto che nasce dalla consapevolezza che sia necessario, anche da parte delle aziende, un impegno sociale per la comunità di cui fanno parte». «Collaborazioni tra pubblico e privato come quella di Eom possono far crescere la biblioteca comunale», conclude Piccinini. •

Valeria Zanetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1