CHIUDI
CHIUDI

04.06.2020 Tags: Valeggio sul Mincio

Gatti spariti, ira degli

I gatti fotografati dalle associazioni di animalisti a Valeggio prima del loro traslocoLa sede della polizia locale a Valeggio
I gatti fotografati dalle associazioni di animalisti a Valeggio prima del loro traslocoLa sede della polizia locale a Valeggio

«Ci siamo presi cura di decine gatti in strada dei Frati a Valeggio per un paio di anni ma poi gli agenti della Polizia locale hanno prelevato gli ultimi 40 rimasti in quel sito nel maggio dell’anno scorso e da allora non sappiamo più dove sono finiti». Emanuela Giarraputo degli Animalisti di Verona Onlus e Rina Goffredo della Lega per la difesa del Cane di Verona, non si capacitano a più di un anno di distanza dell’impossibilità di rivedere una quarantina di gatti dall’abitazione lasciata libera da una coppia poi trasferitasi a Castelnuovo. In realtà, i felini sono stati prelevati dagli agenti della polizia locale di Valeggio in base ad un’ordinanza del Comune risalente al 17 maggio dello scorso anno. «Abbiamo chiesto più volte della loro sorte in Comune», ribadiscono le due esponenti dell’associazione animalisti, «ma dal comandante della polizia locale, Enrico Santi non è mai arrivata una risposta». Una vera odissea per gli animalisti anche perchè l’ordinanza numero 63 del 2019 è inaccessibile dal sito internet del Comune e non si riesce, quindi, a conoscere il luogo esatto dove si trovano ora i gatti. La vicenda inizia quasi tre anni fa. «Siamo venuti a conoscenza di questa situazione ancora nel luglio 2017. Siamo andate a Valeggio al cantiere in strada dei Frati dove una coppia si era accampata per cercare di capire quanti gatti avessero. Ne abbiamo contati 170, abbiamo dato a tutti antiparassitario e portato via 14 cuccioli dati in seguito in adozione». Alla luce della situazione particolarmente complicata, gli animalisti si sono rivolti a forze dell'ordine e veterinario. «Nei mesi successivi abbiamo offerto collaborazione e sterilizzato molti esemplari» scrivono in una nota gli animalisti. La situazione, però, si è complicata: «Nei mesi successivi molti gatti sono stati avvelenati». Nel frattempo, la coppia occupante il cantiere si è allontanata, trasferendosi a Castelnuovo, portandosi via una ventina di gatti. «In quell’area nella casa disabitata di Valeggio sono rimasti quaranta gatti che non si facevano catturare», riporta ancora il comunicato. Le due esponenti dell’associazione ambientalista si sono così recate dall’allora sindaco di Valeggio, Tosoni. «Ci siamo lasciati con il proposito di poter collaborare per la soluzione del problema», riporta la nota delle due ecologiste. Poi la svolta: «A maggio 2019 i vigili di Valeggio, senza avvisarci, catturano i gatti che erano rimasti nella casa e li portano via». Poi più nulla. «Ad agosto, siamo ricevute dal comandante dei vigili a seguito delle nostre richieste di conoscere la sorte dei gatti, ma non ci viene detto nulla». Le ecologiste hanno presentato un’altra richiesta poche settimane dopo senza, però, avere ancora alcuna risposta. In Comune, la questione viene affrontata senza troppi affanni. «I gatti si trovano al sicuro (anche se non dice dove ndr) in un’area idonea in una frazione di Valeggio», afferma il comandante della Polizia locale, Enrico Santi, «e i controlli sui gatti vengono effettuati periodicamente da un veterinario dall’Ulss 9». E si difende dalle accuse di aver fatto sparire i gatti: «Siamo molto attenti a queste situazioni». Ci sono poi una serie di determine del Comune, susseguitesi dal maggio dello scorso anno ad oggi del settore della polizia locale che dimostrano la presa in carico dei gatti nel recinto comunale anche se non appare il sito. Il Comune ha poi affidato la gestione dei felini alla Cooperativa Spazio 11 fino al 31 maggio scorso. Ha definito anche il negozio di alimenti per animali di Valeggio al quale affidare il rifornimento per il cibo dei gatti. «Abbiamo molto a cuore la situazione dei felini», ribadisce anche Veronica Paon, assessore all’ambiente di Valeggio, «ne avevo una ventina anche nella mia casa». •

G.CH.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie