Strisce scolorite sull’asfalto Ci pensa Righetti da solo

I lavori per la segnaletica orizzontale in via Valfiorita
I lavori per la segnaletica orizzontale in via Valfiorita

Un privato, dopo non aver ricevuto risposta dal Comune, chiama una ditta e fa ridipingere la segnaletica stradale sull’asfalto di via Valfiorita, a Santa Maria di Negrar. In particolare, Giuseppe Righetti, questo il nome del cittadini, ha messo in ordine la segnaletica orizzontale che indica il percorso riservato ai pedoni su un lato della carreggiata, ripristinandola. Righetti, senza attendere oltre, ha preso contatto con una ditta veronese per i lavori. La striscia che delimita il percorso era già presente ma con il tempo era diventata quasi invisibile. Da qualche settimana è stata ritinteggiata ed è stato dipinto a terra il simbolo del passaggio pedonale, un attraversamento molto frequentato da persone anziane, mamme con figli piccoli sui passeggini, gente che raggiunge l’area commerciale di Santa Maria e i servizi limitrofi. Inoltre, parecchie abitazioni si affacciano direttamente su questa via e non sempre gli automobilisti rispettano il limite di velocità fissato a 30 chilometri orari. «Molte persone corrono troppo con l’auto quando percorrono questa strada», sottolinea Righetti, che da oltre 25 anni si batte per far rispettare i diritti di tutti, eliminare le barriere architettoniche e promuovere la partecipazione attiva dei cittadini. L’intervento a favore della sicurezza dei pedoni, da lui segnalato agli uffici tecnici comunali e alla polizia locale negrarese, riguarda circa 500 metri compresi tra l’incrocio con la strada provinciale 4 della Valpolicella e le altre strade interne al quartiere residenziale Valfiorita. «Le strisce a terra ormai non si vedevano più, bisognava intervenire», ribadisce il cittadino negrarese. Righetti non è nuovo a queste iniziative. L’anno scorso, dopo una serie di solleciti, riuscì a concordare con i proprietari del centro commerciale, e del relativo parcheggio, di Santa Maria, il ripristino dei posteggi riservati ai disabili e si era fatto promotore anche in quel caso del posizionamento della segnaletica. Altra battaglia l’ha condotta nei parcheggi davanti a un supermercato di San Pietro in Cariano, dove gli stalli speciali per le persone con disabilità non erano stati fatti a norma. Recentemente, Righetti si è rimesso a disposizione della nuova amministrazione comunale carianese per dare una mano nella messa in pratica del Peba, il piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Quest’estate ha pensato che non poteva di certo tralasciare il suo quartiere. «Ringrazio la ditta di Fertonani che, per il lavoro in via Valfiorita, si è messa a disposizione gratuitamente» conclude Righetti. Un plauso gli arriva dall’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Negrar di Valpolicella, Bruno Quintarelli, che si trova con una sistemazione bella e fatta, senza fatica né costi per l’ente: «Iniziative come questa, a tutela della sicurezza e a favore dei quartieri, sono da valorizzare e premiare». •

C.M.